gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta che Bob Dylan umiliò i Rolling Stones

Ancora una volta ci preme sottolineare, nel realizzare quest’articolo, che nella storia della musica esistono eventi, situazioni e momenti specifici che sembrano verificarsi per caso, quasi spinti da una sorte cieca che favorisce un’entità più che un’altra. Scendendo nel pratico, si guardi ai Sex Pistols e di quanto siano stati favoriti non soltanto dal contesto sociale di un Inghilterra in ribellione punk, ma anche dalla scelta dei Queen di indicarli per una prima serata, in cui furono in grado di diffondere – attraverso la dimensione dello scandalo – la loro personale musica. Vogliamo raccontarvi di un evento analogo, basandoci su quanto dichiarato dai Black Crowes: vi parliamo di quella volta che Bob Dylan umiliò i Rolling Stones, ma facendo loro ottenere grande successo.

Il concerto con Bob Dylan che lanciò i Rolling Stones

In occasione della reunion che potrebbe vedere i Black Crowes di nuovo insieme, per i 30 anni della pubblicazione di Shake Your Money Maker (album di debutto della band stessa), la formazione ha parlato – rappresentata dalle parole di Chris Robinson, cantante statunitense e voce solista della band – non soltanto di reunion e della propria musica, ma anche di tanto altro.

Tra le tematiche che sono state citate dai Black Crowes non potevano mancare quelle relative ad aneddoti e fatti che fanno parte della storia del rock, tra cui l’incredibile concerto a Parigi di Rolling Stones e Bob Dylan che, nonostante non sia stato come la band di Mick Jagger e Keith Richards immaginava, ha reso la formazione stessa celebre.

Robinson ha parlato dell’evento in modo divertito, indicando il concerto come uno dei migliori a cui abbia mai assistito. Per coloro che non conoscessero la storia, è stato lo stesso cantante dei Black Crowes a parlarne: i Rolling Stones trovarono un accordo con Bob Dylan per l’esibizione di “Like a Rolling Stone”, ma le cose non andarono come previsto.

Questo il racconto di Robinson: “Bob va al microfono e non canta nulla. E li vedi guardarsi intorno e dicono “Okay”. Perché è come se avessi perso una svolta a una rotonda e dovessi tornare indietro. Quindi vanno di nuovo in giro… e lui si appoggia al microfono e si volta.” Alla fine Bob Dylan cantò qualche parola, per poi girarsi verso la band e mostrando il dito medio alla stessa, abbandonando il palco. Insomma, certamente non un bello spettacolo, ma il motivo fondamentale che ha reso la band celebre, nel panorama francese e non solo, nonostante fosse stata umiliata. 

Lo scioglimento dei Black Crowes e la reunion per i 30 anni di Shake Your Money Maker

Se i Black Crowes si erano sciolti nel 2015, ponendo fine alla loro esperienza musicale, hanno deciso di dar vita ad una speciale reunion in occasione dei 30 anni dalla pubblicazione di Shake Your Money Maker, album di debutto della formazione statunitense.

Rich Robinson ha affermato, in occasione dello scioglimento della formazione, di non poter assecondare la “richiesta di suo fratello di dover rinunciare alla mia parte uguale della band e che il nostro batterista per 28 anni e il suo partner originale, Steve Gorman, rinunci a un 100 centesimo della sua quota, riducendolo a un dipendente stipendiato ”.

 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.