gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta che gli ABBA incontrarono i Led Zeppelin

Gli ABBA erano un gruppo Pop svedese formatosi nel 1972. La band scrisse diverse Hit da classifica con le quali dominarono le scene per lungo periodo nel corso degli anni ’80. Brani come Dancing Queen, Mamma Mia e Waterloo sono rimasti impressi nell’immaginario collettivo come classici intramontabili della cultura dance di quel decennio. La band era composta da Agnetha Falkshog, Bjorn Ulvaeus e la coppia di coniugi Anni-Frid Lyngstad e Benny Andersson. Il nome ABBA deriva dall’acronimo delle iniziali dei membri della band. Il quartetto salì sul tetto del mondo dopo essere apparso all’Eurovision Music Contest. Nonostante si siano sciolti nel 1982, le loro canzoni hanno ispirato film e musical che, ancora oggi, riscontrano un ottimo responso, risultando veri e propri tormentoni.

In ogni caso, nonostante la musica Pop si sia sempre rivestita dal candore coltivato dall’annovero di artisti che si sono susseguiti sulle scene nel corso degli anni, gli ABBA entrarono in ottimi rapporti con i Led Zeppelin, famigerati per la dissolutezza con la quale trascorrevano i loro lunghi tour. Nessuno, in realtà, penserebbe che gli ABBA siano stati influenzati dai Led Zeppelin tanto quanto hanno fatto davvero. Sembrerebbe, addirittura, che la Rock Band britannica abbia registrato In Through The Out Door, nei Polar Studio di proprietà della band.



Perché gli ABBA decisero di incontrare i Led Zeppelin?

Il frontman dei Led Zeppelin, Robert Plant ha raccontato nel 2005, di essersi ritrovato in circostanze “divertenti” con Benny e Bjorn degli ABBA, mentre Agnetha e Frida cercavano i rispettivi mariti, tenuti in ostaggio dai restanti Led Zeppelin in chissà quale posto “osceno”. In ogni caso, preservare una determinata immagine, per gli ABBA, ha sempre rappresentato un problema particolarmente difficile da affrontare. Mentre l’edonismo e gli eccessi dei Led Zeppelin facevano parte del misticismo legato alle loro figure, i membri del quartetto svedese dovevano combattere contro divorzi complicati e dissidi burrascosi interni alla band senza destare troppo clamore mediatico. Agnetha e Bjorn divorziarono nel 1979, quando la fama del gruppo aveva raggiunto il suo massimo. La coppia diede alla luce due bambini, ma subito dopo la separazione, Bjorn aveva già trovato una nuova fidanzata.

Entrambi si sono risposati, però, Agnetha ha divorziato per la seconda volta nel 1990. Anche il matrimonio tra Anni-Frid e Benny ebbe vita breve, culminando nel 1981. Gli ABBA si sarebbero sciolti l’anno seguente. In un’intervista del 2015 per Louder Sound, Jimmy Page ha raccontato le dinamiche grazie alle quali i Led Zeppelin e gli ABBA riuscirono ad incontrarsi. Il chitarrista degli Zep spiega: “Gli ABBA mi contattarono perché, al tempo, i Polar Studios erano conosciuti solo per essere di loro proprietà. Volevano un gruppo famoso a livello internazionale che andasse a registrare li e presero in considerazione i Led Zeppelin. Chiacchierammo per un po’, discutendo sugli orari e contrattando sul prezzo finale. Nel dicembre del 1978, arrivammo in Svezia. Non eravamo abituati a quelle temperature, c’era neve ovunque”.



Successivamente, Jimmy Page è sceso nei particolari riguardo il primo incontro coi membri degli ABBA: ” Ho conosciuto Bjorn Ulvaeus mentre preparavo la strumentazione per suonare. Non credo gli altri fossero in studio nel mentre. Mi diede una chitarra meravigliosa. Il giorno dopo conobbi Benny Andersson. Bjorn era quello biondo? Benny era il ragazzo con la barba seduto dietro alle tastiere, giusto? – aggiunge scherzosamente il leggendario chitarrista- Ricordo che quest’ultimo si dimostrò molto interessato al nuovo basso che John Paul Jones portò con sé. All’epoca Benny era ancora sposato con Frida Lyngstad, quindi uscimmo una sera insieme per bere qualcosa, erano persone squisite. Ho sperato fino all’ultimo che avremmo conosciuto Agnetha, ma credo non fosse inclusa nel pacchetto”, conclude ironicamente Page.

 

 

 

 

 

 

 



Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)