gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta che il Sud Africa bandì i Pink Floyd

Perché la canzone dei Pink Floyd “Another Brick in the Wall” è stata bandita in Sudafrica? La vita imitava l’arte all’inizio del 1980 quando i bambini delle scuole sudafricani, stufi di un sistema educativo dell’era dell’apartheid inferiore, iniziarono a cantare i testi di “Another Brick in the Wall (Parte II)” dei Pink Floyd. La canzone, con una linea memorabile che afferma Non abbiamo bisogno di educazione”, ha tenuto il primo posto nelle classifiche locali per quasi tre mesi, per un totale di sette settimane in più rispetto a quanto fatto in America. Perché il Sud Africa bandì i Pink Floyd?

La canzone dei Pink Floyd bandita

Il 2 maggio 1980, il governo sudafricano aveva bandito “Another Brick in the Wall”, creando titoli internazionali. “Quel governo dell’apartheid ha imposto un blocco culturale, per così dire, su alcune canzoni – inclusa la mia”, ha lamentato Roger Waters dei Pink Floyd in un discorso con il Guardian. L’apartheid, che letteralmente si traduce dall’Afrikaans in “apart” e “cappuccio”, era un sistema di segregazione applicato dal Partito Nazionale bianco al potere in Sudafrica dal 1948 al 1994. Le leggi dividevano le comunità e, ovviamente, le scuole, secondo le linee razziali. All’alba degli anni ’80, tuttavia, lo sdegno per questo squilibrio cominciò a rinascere sia a livello internazionale che in Sudafrica.

“Another Brick in the Wall”

I boicottaggi nelle scuole nere iniziarono all’Hannover Park di Città del Capo nel febbraio 1980, proprio mentre “Another Brick in the Wall” di Pink Floyd entrò nelle classifiche sudafricane. Un mese dopo, la canzone raggiunse il numero 1 in quello stato, e da allora le proteste si erano diffuse in tutta la nazione – con le parole di Roger Waters come un grido di battaglia. La direzione delle pubblicazioni sudafricane deteneva in quell’epoca un potere radicale di vietare libri, film, opere teatrali, manifesti, articoli di abbigliamento e, sì, musica, che riteneva “politicamente o moralmente indesiderabile”. “Another Brick in the Wall” è entrato rapidamente nel mirino delle politiche sudafricane.

Le opinioni di Roger Waters

“Le persone erano davvero spinte da una frenesia di rabbia”, ha detto Waters in seguito. “Pensavano che quando ho detto “Non abbiamo bisogno di educazione “, era una specie di grossolano, punto di vista rivoluzionario – che, se lo ascolti nel contesto, chiaramente non lo è affatto. Dall’altro mano, ha avuto alcune strane reazioni da parte di persone che non ti aspetteresti: l’arcivescovo di Canterbury ha dichiarato che se è molto popolare tra gli scolari, allora deve in qualche modo esprimere alcuni sentimenti che loro stessi hanno. Non mi piace, o comunque ci si senta, si dovrebbe cogliere l’occasione di usarlo come punto di partenza per la discussione – che è stato esattamente come mi sentivo a riguardo.”

Il sentimento anti-guerra

L’uso di Pink Floyd di veri scolari per trasmettere quei pensieri ha sicuramente reso i suoi sentimenti ancora più identificabili per i giovani. Un gruppo di oltre 20 ragazzi della Islington Green School di Londra, dietro l’angolo in cui l’ingegnere Nick Griffiths stava aggiungendo effetti sonori a The Wall, ha preso parte alla sessione. Griffiths ha quindi rintracciato le loro voci più volte, dando a “Another Brick in the Wall (Part II)” un espulsione monumentale. Per cantare sull’album, i bambini hanno ottenuto i biglietti per un concerto dei Pink Floyd e copie di The Wall e del singolo. Ecco perché il Sud Africa bandì i Pink Floyd.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.