gtag('config', 'UA-102787715-1');

Quella volta in cui Sting cantò con Pavarotti (Video)

Il panorama rock è ricco di storiche collaborazioni e incontri a dir poco unici ed indimenticabili. Molto spesso poi, con l’evoluzione della musica e di tutti gli stili che la compongono, abbiamo assistito ad una serie di collaborazioni tra artisti -rock e non- provenienti da background culturali e musicali completamente differenti. E, fortunatamente, viviamo in un’epoca in cui reperire del materiale (immagini, video e testimonianze inedite) diventa un compito tutto sommato ‘semplice’. Spulciando nel web ci siamo infatti imbattuti in un’incredibile performance del tenore Luciano Pavarotti accompagnato dallo storico cantautore, polistrumentista ed ex Police Sting.

Sting e Pavarotti: due geni a confronto

Insomma, fermatevi un attimo e provate ad immaginare l’incontro tra Luciano Pavarotti -uno dei più grandi tenori della storia della musica- e Sting, leggenda indiscussa della musica rock e storica voce dei Police. Il risultato, naturalmente, non poteva che essere strabiliante.

Anche se non hanno bisogno di tante presentazioni, andiamo un attimo ad analizzare le carriere di questi due mostri sacri della musica. Da una parte abbiamo Luciano Pavarotti, il tenore per eccellenza. Uno tra i dieci tenori più grandi di tutti i tempi. Il cantante italiano con il maggior successo internazionale di sempre. Dall’altra, invece, c’è Gordon Matthew Thomas Summer, in arte Sting. Cantante, polistrumentista ed attore britannico capace di ottenere un successo planetario sia come membro dei Police che come cantante solista. Insomma, se non l’avete ancora capito stiamo parlando di due mostri sacri della musica mondiale.

La versione del Panis Angelicus proposta all’evento “Pavarotti & Friends” del 1992 a Modena

Questa indimenticabile e impressionante esibizione è avvenuta a Modena (città natale di Pavarotti) nel 1992 in occasione del primo concerto dell’evento musicale benefico ‘Pavarotti & Friends‘ e, ancora oggi, continua ad emozionare come al primo ascolto. I due mostri sacri hanno intonato (in latino) ‘Il pane degli angeli’ (Panis Angelicus): ultima strofa dell’inno liturgico ‘Sacris Solemniis‘ composto da San Tommaso d’Aquino nel XIII secolo.

La strofa, che inizia proprio con le parole ‘Panis Angelicus‘, è stata in realtà riproposta da una serie di tenori di altissimo livello come John Francis McCormark, Plàcido Domingo, Roberto Alagna, Andrea Bocelli e, naturalmente, Luciano Pavarotti.

Il testo del Panis Angelicus recita:

“Panis angelicus
fit panis hominum;
dat panis caelicus
figuris terminum;
O res mirabilis:
manducat Dominum
pauper, servus et humilis.

Te, trina Deitas
unaque, poscimus:
sic nos tu visita,
sicut te colimus;
per tuas semitas
duc nos quo tendimus,
ad lucem quam inhabitas.
Amen.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)