gtag('config', 'UA-102787715-1');

Radiohead: la canzone che Thom Yorke odia

I Radiohead sono una delle band più influenti della nostra epoca. Dai loro esordi con lo stile grunge e dal rivoluzionario sound alt-rock infuso di Britpop di “The Bends”, al leggendario “OK Computer” e ai molti album successivi, la band non ha mai avuto paura di esplorare nuovi territori sonori. Una grande particolarità della band consiste in ciò che fa Thom Yorke, il chitarrista-cantante i falsetti hanno avuto un ruolo non da poco nel mettere la band Radio al di sopra della concorrenza.

Radiohead, le opinioni di Thom Yorke

Storicamente, la musica dei Radiohead non è stata esattamente conosciuta per la sua visione calda e positiva, e come paroliere e cantante del gruppo, Yorke ha sicuramente influito su questo elemento. Ciò nonostante è normale che al frontman non piacciano alcuni brani facenti parte del repertorio della band. Quale canzone porta il fardello di essere il meno amato del gruppo? Diamo un’occhiata alla canzone di successo dei Radiohead che Thom Yorke odia.

Radiohead: l’odio per “Creep”

Sebbene sia allettante pensare che Thom Yorke possa nutrire una segreta animosità verso “Paranoid Android”, “Street Spirit (Fade Out)”, “There There” o qualche altro brano dei Radiohead molto amato, la vera risposta è quella che i fan più accaniti probabilmente sospettavano “Creep”, una delle canzoni più famose della band. Questa infatti si è scontrata con l’avversione dei membri della band.

Yorke dice che “Creep” è “merda”

Come ci dice Fraser McAlpine della BBC, Yorke parla della canzone epitetandola come “merda” e non è l’unico del gruppo. Non per nulla i Radiohead si sono rifiutati di suonare “Creep” dal vivo per anni, ma la loro avversione per “Creep” si è addolcita negli ultimi anni. In un’intervista del 2016 con Q Magazine Yorke osserva che la band ha deciso di riportare a caso la canzone nel loro repertorio dopo che in un ragazzo del pubblico continuava a cantare la canzone e Yorke ha suonato un paio di battute per farlo esaltare.

Il ritorno in scaletta

La risposta del pubblico fu travolgente. Da allora la canzone è tornata in scaletta. “Abbiamo solo detto, ‘Vediamo qual è la reazione, solo per vedere come ci si sente'”, ha detto Yorke a proposito della decisione. Ha anche aggiunto: “Le canzoni entrano in fasi in cui non si sentono bene e poi tornano.”. Speriamo di poter presto riascoltare questa e molte altre delle loro canzoni dal vivo, dopo la pausa a cui sono stati coinvolti a causa dell’emergenza legata alla pandemia che ci sta coinvolgendo in questo momento.

Share

Horus Black, al secolo Riccardo Sechi, nasce a Genova nel 1999 in una famiglia di musicisti classici. Appassionato di rock, soprattutto classic rock, cantante e musicista. Pubblica il suo primo album nel 2018. Indirizzo e-mail rsechi99@gmail.com