gtag('config', 'UA-102787715-1');

Rammstein: Till Lindemann è in terapia intensiva per Coronavirus

C’è, purtroppo, anche Till Lindemann tra tutti coloro che sono stati colpiti dal Coronanavirus. L’emergenza COVID-19 che ha piegato il mondo attraverso vere e proprie tragedie che si sono verificate negli ultimi giorni ha avuto attuazione in diversi nomi del mondo dello spettacolo e non solo, la cui risonanza è stata sicuramente maggiore per ovvie ragioni. Il leader dei Rammstein, che di recente è stato protagonista di un tour in Russia senza la sua band, è stato per diversi giorni in gravissime condizioni – secondo quanto dichiarato dai media tedeschi – e, nonostante stia migliorando lentamente, si trova ancora in terapia intensiva. Dati i pochissimi dati che abbiamo a disposizione, cerchiamo di fare il punto della situazione.

Le condizioni di salute di Till Lindemann dei Rammstein

La notizia relativa alle condizioni di salute di Till Lindemann è rimbalzata velocemente attraverso social, web e tante altre realtà: il leader dei Rammstein è positivo al Coronavirus. Lindemann si era esibito in Russia attraverso un tour da solista e, stando a quanto riportato dai media tedeschi, ha iniziato ad accusare – di rientro dal pese che l’ha visto molto spesso protagonista in concerto – sintomi febbrili e polmonite acuta, due sintomi riconducibili agli effetti principali del Coronavirus e per cui è stato necessario effettuare un trattamento in terapia intensiva. 

Non è possibile conoscere molto sull’attuale stato di salute del cantante tedesco che, chiaramente, trovandosi ancora in terapia intensiva non ha ancora avuto modo di esprimersi sulla vicenda: nonostante ciò, seguendo ancora quanto dichiarato dai media tedeschi che hanno prontamente diffuso la notizia, il leader dei Rammstein starebbe già migliorando in merito alla sua condizione di salute, con il suo stato fisico che viene costantemente migliorato, dopo essere stato piuttosto grave. 

Il tour di Till Lindemann e le sue ultime pubblicazioni

La positività al COVID-19 di Till Lindemann sarà, chiaramente, ricostruita nonostante – in uno stato di pandemia globale – non è assolutamente semplice ricostruire il quadro sanitario dei contagi. La Germania ha mostrato, fin dall’inizio dell’epidemia, una tendenza piuttosto antitetica rispetto alle altre nazioni colpite da Coronavirus: il conteggio dei malati, è stato parte della contestazione, e dei decessi avviene con criteri differenti e i numeri, per questo motivo, sembrano essere minori rispetto alla tendenza europea. 

Di recente, il leader dei Rammstein è stato impegnato in un tour da solista in Russia, che ha seguito tutte le pubblicazioni e le esibizioni avvenute con la sua formazione. Inoltre, il tedesco è stato anche impegnato a fronteggiare le polemiche relative – come sempre – alla pubblicazione del suo ultimo singolo, Platz Ein, che ha generato scandalo per i suoi contenuti espliciti. Ovviamente, tutte le polemiche in materia si sono placate a seguito della notizia che ha portato fan e amanti della musica ad effettuare un augurio di pronta guarigione al leader dei Rammstein Till Lindemann. 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.