gtag('config', 'UA-102787715-1');

RHCP, John Frusciante e la lista dei suoi album preferiti di tutti i tempi

Verso la fine del 2019 i Red Hot Chili Peppers hanno annunciato a gran voce il ritorno di John Frusciante, chitarrista della band dal 1988 al 1992 e dal 1998 al 2009. Rimpiazzato temporaneamente da Josh Klinghoffer, Frusciante nonostante tutto è sempre stata una pedina importante per i RHCP, una pedina a dir poco insostituibile. In questo articolo cercheremo di analizzare in particolar modo le più grandi influenze di John Frusciante e lo faremo ripercorrendo quelli che sono i suoi album preferiti di tutti i tempi.

Il ritorno del chitarrista di New York nei Red Hot Chili Peppers

Siamo sinceri: nonostante Josh Klinghoffer abbia mostrato grande professionalità, grande rispetto per la band e per i fan, l’approccio di John Frusciante è un’altra cosa. Il rientro per la terza (e si spera ultima) volta nei Red Hot Chili Peppers rappresenta in realtà un evento non indifferente nella storia del rock. La sintonia tra John Frusciante, Chad Smith, Anthony Kiedis e Flea è, infatti, un qualcosa di unico ed irripetibile.

Il chitarrista newyorchese ha sempre amato la musica, da quando era solo un ragazzino. E, oltre ai suoi capolavori con i RHCP, può vantare anche una serie di lavori come solista. Ripercorrendo il suo passato e le sue più grandi influenze musicali, John Frusciante ha recentemente stilato una classifica -intitolata John Frusciante 40 albums you must hear- dei suoi 40 album preferiti di tutti i tempi. All’interno della playlist troverete alcuni grandi nomi come: David Bowie, Frank Zappa, i Led Zeppelin, Syd Barrett, i Talking Heads, i Depeche Mode e tanti altri ancora.

La lista dei 40 album preferiti di John Frusciante

Ecco di seguito la lista dei 40 album preferiti di John Frusciante dei Red Hot Chili Peppers:

Aphex Twin – Richard D. James Album
Bow Wow Wow – See Jungle! See Jungle! Go Join Your Gang Yeah, City All Over! Go Ape Crazy!
Butthole Surfers – Locust Abortion Technician
Captain Beefheart & His Magic Band* – Trout Mask Replica
Cat Stevens – Teaser And The Firecat
David Bowie – Scary Monsters
Depeche Mode – Violator
Devo – Q: Are We Not Men? A: We Are Devo!
The Durutti Column – The Return Of The Durutti Column
Edgar Froese – Epsilon In Malaysian Pale
Emerson, Lake & Palmer – Trilogy
Fad Gadget – Under The Flag
Fennesz – Endless Summer
Frank Zappa – Hot Rats
Fugazi – Steady Diet Of Nothing
Funkadelic – Funkadelic
Genesis – The Lamb Lies Down On Broadway
Germs – (GI)
Jim O’Rourke – Eureka
The Jimi Hendrix Experience – Electric Ladyland
Joy Division – Unknown Pleasures
King Crimson – In The Court Of The Crimson King (An Observation By King Crimson)
Led Zeppelin – Led Zeppelin II
The Mars Volta – De-Loused In The Comatorium
März – Wir Sind Hier
Neu! – Neu!
New Order – Low-life
Oren Ambarchi – Grapes From The Estate
PiL* – Metal Box
Rafael Toral – Violence Of Discovery And Calm Of Acceptance
The Residents – Meet The Residents
Rosy Parlane – Jessamine
Siouxsie And The Banshees* – Kaleidoscope
Sparks – Kimono My House
Syd Barrett – The Madcap Laughs
Talking Heads – More Songs About Buildings And Food
Van Der Graaf Generator – Godbluff
The Velvet Underground & Nico – The Velvet Underground & Nico
Yes – Fragile
Joe Meek – Telstar – The Hits Of Joe Meek

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)