gtag('config', 'UA-102787715-1');

Rob Halford: ‘David Bowie era il maestro del travestimento’

David Bowie, nato David Robert Jones, è stato uno degli artisti più influenti del ventesimo secolo. Pensare al Duca Bianco solo ed unicamente come cantautore, potrebbe però essere un errore: Bowie, infatti, era un’artista a 360 gradi. Un artista capace di spaziare dal canto alla pittura, passando anche attraverso la recitazione e configurandosi, alla fine, come una vera e propria icona di stile. Quando pensiamo alla sua figura, naturalmente, ci vengono in mente alcuni grandi album come Space Oddity, The Man Who Sold The World, Let’s Dance, Hunky Dory, l’omonimo David Bowie e, naturalmente, Blackstar: ultimo, enigmatico, lavoro discografico del Duca Bianco. David Bowie ha influenzato un’intera generazione di appassionati di musica (e di arte) e, naturalmente, il suo impatto è stato così forte da scuotere anche alcuni suoi colleghi: uno su tutti Rob Halford.

L’impatto del Duca Bianco sul frontman dei Judas Priest

Rob Halford, storico frontman dei Judas Priest, è uno di quegli artisti che è stato completamente ammaliato ed assorbito dall’inconfondibile ed inimitabile stile di David Bowie. In una recente intervista per Rolling Stone ‘il Dio dell’heavy metal‘ si è soffermato sulla prima volta in cui ha assistito ad uno show dal vivo del Duca Bianco.

Era il 28 maggio del 1973, un poco più che ventenne Rob Halford era alle prese con i suoi primi spettacoli dal vivo con i Judas Priest e, un giorno, decise di prendersi un giorno libero per andare ad assistere ad uno show di David Bowie al Wolverhampton Civil Hall:

“Penso che quella sera abbiano suonato l’intero disco dall’inizio alla fine, ed è stato veramente incredibile vederlo fare quello che ha fatto con una tale convinzione e una tale grinta. David Bowie era Ziggy Stardust e ha ipnotizzato il mondo con quel personaggio.”

David Bowie, infatti, aveva da poco pubblicato il suo quinto album in studio: The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars, forse una delle più grandi opere mai create dal Duca Bianco.

Rob Halford: ‘David Bowie era il maestro del travestimento”

“David Bowie è riuscito in un’impresa unica: accompagnare i suoi fan in un viaggio -ha continuato Halford durante la sua intervista- chi era veramente? Era Ziggy Stardust? Era il Duca Bianco? Hunky Dory? Un ‘eroe’? David Bowie era il maestro del travestimento.”

E, di travestimenti, Rob Halford ne sa qualcosa. Il frontman dei Judas Priest, infatti, è conosciuto anche per il suo inconfondibile look, fatto per lo più di abiti e giacche di pelle.

 

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)