gtag('config', 'UA-102787715-1');

Rolling Stones, Mick Jagger ha copiato il suo stile da…

Quale è il legame tra Mick Jagger, storico leader e cantante dei Rolling Stones, e James Brown? Pare che Mick Jagger avesse ammesso di aver copiato il suo stile da James Brown, oltre che i suoi passi di danza. Mick Jagger sa indubbiamente come attirare l’attenzione sul palco e da sempre la sua figura è definita come una delle più carismatiche nella storia del rock. Ecco che la leggenda della musica funk James Brown, secondo le fonti, ha ispirato i celebri balletti e passi di danza di Mick Jagger, influenzando anche la musica dei Rolling Stones.

L’ammirazione di Mick Jagger per James Brown

Mick Jagger non ha mai nascosto una grande ammirazione per James Brown. Per lui, il cantante afroamericano era riuscito a creare un genere completamente nuovo mescolando la musica funk con il rock n’roll. La grandissima influenza di James Brown è stata talmente profonda da aver condizionato pesantemente tutto il mondo della musica, non solamente afroamericano. Ma da dove viene lo stile di ballo di Mick Jagger? Ha copiato il suo stile da James Brown. È noto che i Rolling Stones si sono ispirati alla musica americana, in particolare al blues. Tuttavia, hanno anche un debito sostanziale con la musica funk.

La grande aspirazione e le movenze

“In passato aspiravo a essere come James Brown nelle sue movenze, e quindi ho copiato molte delle mosse di James Brown nei primi anni di carriera.” Lo aveva detto proprio Mick Jagger a Rolling Stone nel 1995. Ha anche sottolineato: “Non le faccio più ormai, davvero.” Tuttavia, Jagger ha notato un punto di somiglianza tra lui e Brown: entrambi erano in sintonia con il concetto di ritmo della musica. In un’intervista con Time, Jagger ha spiegato uno dei passi di danza che ha preso dal repertorio di Brown. Ha detto: “Quando ti sposti lateralmente da un lato all’altro del palco, ruotando il piede su una gamba, ecco quello è James Brown”.

Mick Jagger produttore del film su James Brown

“Da lui in realtà ho preso anche una sorta di atteggiamento, non solo un movimento del corpo.”, ha ammesso il frontman dei Rolling Stones Inoltre, Jagger ha detto di essersi ispirato anche alla presenza scenica di Little Richard, uno dei musicisti rock n’roll più famosi degli anni Sessanta. La rivista Billboard ha riferito che Mick Jagger e James Brown erano amici da molti anni. Il cantante dei Rolling Stones ha ricordato che Brown lo trattava con rispetto anche quando era giovane. Inoltre, Jagger ha fatto da produttore a un film basato sulla vita di James Brown chiamato Get On Up. Vi consigliamo di vederlo, è un film biografico con Chadwick Boseman, attore protagonista di Black Panther.

L’eredità musicale di James Brown

Mick Jagger ha discusso a lungo dell’eredità musicale di James Brown. Jagger stesso ritiene che James Brown abbia aperto la strada a musicisti e imprenditori contemporanei nei Jay-Z e P. Diddy. Mick Jagger ha detto al Time che l’influenza musicale di James Brown si poteva vedere in artisti quali Prince, Michael Jackson, Bruno Mars e molti altri. In particolare l’album Live at Apollo di Brown è stato molto importante per la crescita dei Rolling Stones.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.