gtag('config', 'UA-102787715-1');

San Valentino, 5 canzoni rock dedicate alla festa degli innamorati

Anche nel giorno di San Valentino, il giorno di tutti gli innamorati, è bene ricordare quanto sia bello l’amore. Ma se lo condiamo con un po’ di rock, male non fa, no? Ecco allora che abbiamo deciso di trovare 5 canzoni che raccontano proprio quel San Valentino, il simbolo degli innamorati. Alcuni pezzi racconteranno questo giorno in maniera più diretta e palese, altri in modo più criptico e oscuro (e sono la maggior parte). Possiamo già partire con Open Arms, dei Journey, una delle ballad più imponenti e apprezzate della storia del rock. Non c’è San Valentino di preciso, ma la maggior parte sarà così, criptica. Vediamo le 5 canzoni rock dedicate alla festa degli innamorati..

BLUE VALENTINES, TOM WAITS (1979)

Questa canzone è la canzone di San Valentino. Ma da buoni intenditori, non si tratta di una canzone normale dedicata a San Valentino. È infatti un protettore degli innamorati visto da un punto di visto davvero molto diverso. È il San Valentino degli straccioni, dei poveri e dei dimenticati, di Charles Bukowski, della Beat Generation. Non abbiamo bisogno di dire granché in più dal momento che si tratta di un grandissimo maestro e possiamo solo inchinarci a lui. Aspettiamo un nuovo album anche se sarà molto difficile vedere un nuovo lavoro di inediti del Nostro. Come parlare in altri termini di Tom Waits?

EVERY TIME I LOOK AT YOU, KISS (1992)

Anche qui, come i Journey, siamo di fronte ad una power ballad molto rock, un marchio di fabbrica dei Kiss. Qui non c’è San Valentino in persona, ma la band sceglie di prendere una fantomatica donna come personificazione dell’amore. I Kiss, in questo caso, cercano di appigliarsi a qualsiasi cosa per capire perché la donna non corrisponda il sentimento, ma senza aver risposta. Gene Simmons ha raccontato che questa canzone era stata scritta diversi mesi prima, nel 1991, e aveva iniziato a comporla proprio il giorno di San Valentino.

VALENTINE’S DAY, LINKIN PARK (2007)

Se non parla di San Valentino questo pezzo, non sappiamo quale possa essere. Chester Bennington l’aveva definita una delle canzoni più avventate della storia del gruppo. Lui stesso ha detto che a volte fare canzoni meno dark e pesanti non è un male, basta che non sia una cosa frequente. La band canta: “Nel giorno di San Valentino, nel giorno di San Valentin, Perché la mia mente ha perso la direzione, in qualche modo“. In effetti, pensandoci bene, non sembra neppure una canzone dei Linkin Park, però a volte è bello vedere una band molto dolce e soffice. O quasi.

HANDSOME DEVIL, THE SMITHS (1984)

Tu, diavolo di bell’aspetto“. Già questo basterebbe per capire che gli Smiths hanno una sensibilità incredibile. Anzi, avevano. La penna di Morrissey si è staccata dal gruppo diventando solista così come Johnny Marr. Ma Morrissey ha sempre avuto un rapporto strano con la sensualità e la sessualità, e qui San Valentino viene tramutato in un bellissimo diavolo. Si tratta di una metafora dell’eros sfrenato e della disinibizione sessuale. Molto strano eh? Queste erano le 5 canzoni rock dedicate alla festa degli innamorati. Le vostre preferite quali sono?

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.