gtag('config', 'UA-102787715-1');

Sheryl Crow: “quando ero la corista di Michael Jackson ho visto cose sconvolgenti”

Sheryl Crow è stata una delle coriste americane più importanti degli anni ’80 e ’90. Ha collaborato con artisti quali Rod Stewart, Stewie Wonder, Sinead o’ Connor e anche il re del pop, Michael Jackson. Sappiamo bene che Jackson è stato un artista tanto straordinario quanto ricco di contraddizioni e segreti. Di recente, la Crow ha rilasciato un’intervista in cui, senza esporsi, ha espresso qualche perplessità dopo Leaving Neverland, il documentario su MJ. Vediamo cosa ha detto. 

La carriera di Sheryl Crow

Dovete sapere che a metà degli anni Ottanta Sheryl Crow ha visto la propria carriera esplodere, da semplice cameriera a corista per Michael Jackson. Si narra che lui l’avesse scovata in un bar di Los Angeles e rimase incantato dalla sua presenza e voce. Fu così che lei lo segui per il Bad World Tour, tour che ha fatto seguito al celebre album Bad di Michael Jackson.

Dal 1987 al 1989 Jackson attraversò 4 continenti e 15 paesi accompagnato dalla Crow che cantava con lui Dirty Diana nel videoclip ufficiale. Ma la Nostra ha vissuto anche qualche momento di buio, con problemi di droga e di molestie sessuali dal manager di Jackson. Vediamo insieme cosa ha detto sul documentario.

La dichiarazione di Sheryl Crow

Premesso il fatto che lei non ha rivelato moltissimo, si è rifiutata di vedere Leaving Neverland, il discusso documentario su MJ. Ha rivelato di aver comunque notato svariate stranezze e particolarità dicendo: “ho visto delle cose che mi sono sembrate molto strane e sulle quali avrei molte domande“. Ha comunque affermato e ribadito quanto fosse geniale Michael Jackson e quanto fosse un onore lavorare e cantare con lui.

Altre personalità avevano parlato ed espresso la loro opinione sul documentario, scatenando l’ira dei fan del Re del Pop. Tra queste, un certo eco mediatico venne generato dalla ex moglie Lisa che dichiarò: ho rivelazioni scioccanti su di lui”. Ne abbiamo parlato in questo articolo.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.