gtag('config', 'UA-102787715-1');

Slash, 5 curiosità che non sapevi sul chitarrista dei Guns N’Roses

Slash, storico chitarrista dei Guns N’Roses, è uno dei musicisti più apprezzati della scena rock. Autore di innumerevoli e leggendari riff, Saul Hudson ha scritto pagine indelebili della storia della musica e, se pensate di sapere tutto su questa leggenda vivente, siamo pronti a contraddirvi! Andiamo a scoprire insieme 5 curiosità sul chitarrista dei Guns N’Roses, Slash.

Uno dei primi lavori di Slash

Oggi Slash è uno dei chitarristi più apprezzati del pianeta e sicuramente la sua fama lo precede; forse però non tutti sanno che l’iconico chitarrista dei Guns N’Roses, prima di diventare la leggenda del rock che noi tutti conosciamo, svolgeva un lavoro come tanti. Un giovanissimo Saul Hudson, per racimolare un po’ di soldi, per un periodo lavorò infatti presso un’edicola di Fairfax.

La storia del suo leggendario cappello

Quando pensiamo alla figura di Slash le prime 2 cose che ci vengono in mente sono la sua inconfondibile chitarra ed il suo amato cappello. Difficilmente, infatti, si separa da quel cilindro: “Ormai è diventato il mio marchio di fabbrica e, ad essere onesto, non so come riesca a rimanere sempre su. Col passare degli anni il mio amato cappello è diventato anche un oggetto dietro al quale posso nascondermi: amo esibirmi, ma suonare davanti al pubblico mi ha sempre messo soggezione.”

Il rifiuto iniziale della Gibson

Slash, per chi non lo sapesse, ha collaborato col la Gibson creando alcuni modelli di chitarra che portano proprio il suo nome, come la Slash Goldtop, la Slash Appetite Les Paul, la Slash Rosso Corsa Les Paul e la Slash Vermillion Les Paul. La cosa davvero sorprendete è però un’altra: nel 1998, quando il chitarrista chiese in regalo alla Gibson due Les Paul Standard, l’azienda si rifiutò categoricamente perché non ritenne il suo profilo abbastanza alto.

La partecipazione nel videogioco Angry Birds

Slash, oltre che di musica, è anche un grande esperto di videogame e, uno dei suoi preferiti, è proprio Angry Birds. Non è un caso infatti che il musicista abbia composto anche il tema musicale del gioco in questione: “Quando gli ideatori di Angry Birds hanno scoperto che ero un grande fan, mi hanno subito proposto una collaborazione. Non potevo certo farmi sfuggire questa occasione: questo gioco è come una droga, ma più economica.”

La passione per le immagini horror e di nudo

E, infine, proveremo a stupirvi con un’ultima curiosità su Slash: la sua grande passione le immagini di horror e di nudo. L’artista lo rivelò qualche anno fa durante un’intervista e, al riguardo, spiegò: “Adoro queste immagini, le trovo su Tumblr, Pinteres o siti del genere. Sui social cerco sempre di pubblicare anche altre foto oltre la musica, del resto ho anche prodotto un film horror.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)