gtag('config', 'UA-102787715-1');

Slash: ecco come e quando è nata la sua passione per la Gibson Les Paul

Quando pensiamo a Slash, iconico chitarrista dei Guns N’Roses e vero e proprio pilastro della storia del rock, tra le prime cose che ci vengono in mente ci sono i suoi capelli lunghi e ricci, il suo iconico ed inseparabile cilindro e, naturalmente, la sua leggendaria Gibson Les Paul. La chitarra di Slash è diventata, col tempo, quasi un marchio di fabbrica del musicista di Hampstead. E, arrivati a questo punto, una domanda sorge spontanea: quando e come è nato questo binomio Slash-Gibson Les Paul?

Slash: ecco come e quando è nata la sua passione per la Gibson Les Paul

Diciamoci la verità: ogni musicista ha la sua marca di strumenti preferita. Nel caso di Slash, naturalmente, si tratta dei modelli Gibson Les Paul. Descritti dal chitarrista di Hampstead come ‘dannatamente sexy‘, questi modelli hanno giocato un ruolo fondamentale nell’ascesa e nella conseguente carriera di Slash. Ma come e quando Slash si è avvicinato ai modelli Gibson? Andiamo a scoprirlo insieme!

Partiamo subito dicendo una cosa, forse un’ovvietà, ma che vale la pena ripetere ancora una volta: Slash è sempre stato letteralmente innamorato dei modelli Les Paul. Una volta disse addirittura che per lui stare in una sala piena di Les Paul era un po’ come trovarsi in una stanza piena di donne nude. Insomma, un paragone un po’ azzardato, ma che spiega perfettamente l’amore di Slash per le chitarre Gibson Les Paul.

Amore a prima vista

La scelta di optare per questi particolari modelli, quindi, non è mai stata casuale:

“Perchè ho scelto la Les Paul? In realtà non so se sono stato io a scegliere i modelli Les Paul, o se sono stati loro a scegliere me. Posso dire però che è stato amore a prima vista: appena vidi questi modelli me ne innamorai completamente. In verità all’epoca non me ne intendevo tanto di chitarre, ma notai che tutti i miei idoli suonavano una Les Paul e quindi pensai subito di acquistarne una.”

Slash, al secolo Saul Hudson, si è poi soffermato sulla sua primissima Les Paul:

“La prima vera Les Paul che io abbia mai avuto fu una Black Standard, la comprai in un piccolo negozietto a Sunset Boulevard: era tutta nera con le rilegature in giallo, era a dir poco fantastica. Mi piaceva molto l’idea che una mia chitarra avesse la firma ‘Gibson’. Nella mia carriera ho provato tante chitarre diverse, dalle Strats alle SGs, ma nel mio cuore c’è solo la Gibson Les Paul.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)