gtag('config', 'UA-102787715-1');

Slash, ecco le band che il chitarrista dei Guns N’ Roses ascoltava quando era bambino

Per quanto non possa essere considerato come il miglior chitarrista di sempre, Slash è, senza dubbio, una delle rockstar più iconiche e rappresentative nell’ambito della musica rock contemporanea. Il chitarrista dei Guns N’ Roses ha fatto la storia della musica con la band hard rock statunitense e, grazie al suo pregevole talento e, è diventato celebre nel corso degli anni, essendo considerato, ancora oggi, uno dei chitarristi più rappresentativi nel panorama rock e musicale contemporaneo. Slash ha avuto modo di parlare di quali siano le band che ascoltava quando era bambino, e che hanno caratterizzato l’influenza fondamentale per la sua vita e carriera.

L’infanzia di Slash e le band che ascoltava quando era bambino

Nel corso di una sua intervista, Slash ha avuto modo di parlare di quale sia stata la sua infanzia e, allo stesso tempo, di quali fossero le band che ascoltava quando era bambino: “Sono nato a Hampstead il 23 luglio 1965. Vivevo a Stoke ma sono nato a Londra, un dettaglio su cui mio padre doveva correggermi. Ci siamo trasferiti negli Stati Uniti quando avevo sei anni. Mio padre era il ribelle della famiglia; è andato alla scuola d’arte, ha sposato una donna di colore e ha fatto parte dell’intera scena rock ‘n’ roll. LA era il posto in cui spostarsi, tutto lì aveva perfettamente senso “.

E, a proposito della musica che ascoltava quando era bambino, ha dichiarato: “Sì. Fin dal primo giorno è stato tutto incentrato sugli Stones , The Yardbirds , Cream e the Kinks. E devo inserire The Moody Blues perché hanno avuto uno strano effetto su di me. Poi, quando mi sono trasferito negli Stati Uniti, tutto ruotava intorno a band come The Doors. Mia madre amava moltissima musica eclettica, da Phoebe Snow ai Commodores, da David Bowie ai Led Zeppelin . Entrambi i miei genitori erano nel mondo della musica, quindi ero in giro 24 ore su 24 e 7 giorni su 7”.

Come Slash ha iniziato a suonare trasformando la sua passione in lavoro

La grande passione di Slash si è tramutata, ben presto, in un’occasione per ottenere celebrità e credito, elemento che il chitarrista non ha trascurato nell’ambito della sua intervista: “Non è andata in questo modo. Ascoltavo sempre la musica, davo per scontato che fosse sempre lì. E sapevo cosa mi piaceva e cosa non mi piaceva. Non ci ho pensato due volte: vedere le sessioni o andare al Troubadour per guardare le band, ma non avevo mai pensato di farne una carriera. Poi Steven Adler – che ho conosciuto alle medie – mi ha messo alla sua chitarra elettrica e mi sono messo a correre “

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.