Slowhand: perchè Eric Clapton viene chiamato così?

Eric Clapton e la sua grande importanza nel rock

L’importanza di Eric Clapton nel mondo del rock è innegabile. Slowhand è, senza dubbio, uno dei migliori chitarristi della storia innanzitutto: in secundis, non si può non considerare anche la sua grande importanza nei testi che portano la sua firma. La sua carriera è stata ricca di successi: dagli Yardbirds ai Cream, da John Mayall e & The Bluesbreackers ai Blind Faith, dai Delaney & Bonnie ai Derek and the Dominos. 

La sua importanza non è stata, tuttavia, fine a se stessa: al di là delle logiche di un gruppo, Eric Clapton ha intrapreso una carriera da solista che l’ha visto affermarsi tra gli artisti più importanti nel panorama del rock e della musica in generale. Il suo grande talento ha incontrato la sperimentazione; il prodotto di tutto ciò è stato un passaggio dal rock psichedelico al reggae, attraverso il pop rock e partendo, chiaramente, dal blues di matrice tradizionale. Oggi vogliamo spiegarvi perchè Clapton è soprannominato Slowhand.

Perchè Eric Clapton è soprannominato Slowhand?

Il soprannome di Eric Clapton ha, chiaramente, un motivo e una sua storia. Perchè Eric Clapton è soprannominato Slowhand? Questo pseudonimo è stato ufficializzato solo dopo la pubblicazione del quinto album in studio da parte del britannico. Tuttavia, la storia che c’è dietro risale fino agli anni in cui Clapton militava all’interno degli Yardbirds.

A scegliere il suo soprannome è stato, infatti, il manager Giorgio Gomelsky, nel 1964. Lo stesso britannico ha raccontato più volte questa storia, anche se in versioni differenti tra di loro. Secondo la versione più accreditata, tutto nacque dalla rottura di una corda durante un concerto. “Mano lenta”, dunque, non sarebbe riferito alla lentezza del suonare da parte del britannico, ma ai tempi effettivi in cui Clapton sostituisce le corde di una chitarra.

Slowhand, il quinto album in studio di Eric Clapton

Il soprannome, come detto, fu ufficializzato soltanto dopo la pubblicazione del quinto album in studio da parte di Eric Clapton: Slowhand. L’album è quello che ha ottenuto maggior successo nella discografia del britannico. Il disco è datato 1977; nel 2003 venne inserito – dalla rivista britannica Rolling Stone – all’interno della classifica dei 500 migliori album della storia, alla 325esima posizione. 

L’album è composto da nove tracce, di cui cinque sono state firmate dallo stesso Clapton. All’interno dello stesso troviamo le due canzoni di maggior successo del britannico: Cocaine (cover di J.J. Cale) e Wonderful Tonight.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.