gtag('config', 'UA-102787715-1');

La storia d’amore tra Freddie Mercury e Barbara Valentin

Tutti sanno, grazie a ciò che è stato largamente raccontato – anche all’interno del biopic Bohemian Rhapsody – che Freddie Mercury ebbe numerose amanti nella sua vita, oltre che diversi amori. La sua ammissione di bisessualità a Mary Austin fu una dichiarazione di omosessualità, ma pur essendo tale, Freddie Mercury ebbe relazioni di cui è stato detto poco, o non abbastanza fino al momento della sua morte. Tra queste c’è stata quella con Barbara Valentin, amica e presunta amante di Freddie Mercury che ha raccontato molto – in diverse interviste – della sua storia d’amore con Freddie Mercury. Vogliamo riportarvi parte di queste dichiarazioni all’interno dell’articolo. 

Le dichiarazioni di Barbara Valentin sono vere?

Prima di riportarvi parte delle dichiarazioni che sono state da Barbara Valentin è opportuno realizzare una piccola considerazione intorno alle stesse. Le dichiarazioni sarebbero parte di una presunta intervista del 1992, a cui se ne sono aggiunte altre dello stesso anno, che però non è stata mai filmata né documentata se non in forma scritta. Realizzate per un quotidiano tedesco di cui non è stata indicata la denominazione, esse sono in certi passaggi piuttosto dubbie.

Tra particolari piuttosto enfatizzati e altri mai confermati da altre fonti, ci sono anche molte verità che sono state confermate da Mary Austin e Jim Hutton. Di sicuro, quindi, si può pensare che le interviste siano state realizzate dopo la morte di Freddie Mercury, anche se non siamo sicuri che tutto ciò che è stato scritto sia stato effettivamente pronunciato da Barbara Valentin o corrisponda e realtà. 

La storia d’amore tra Freddie Mercury e Barbara Valentin

In primo luogo, la donna tedesca ha parlato della storia d’amore con Freddie Mercury, citando il momento esatto in cui i due si sono conosciuti e anche la natura di una relazione piuttosto serena. “Ho conosciuto Freddie a New York, in una discoteca per omosessuali di Monaco, circa 9 anni fa. Incideva un disco, era con tutta la band a Monaco: tra Freddie ed io ci fu subito simpatia.” 

E ancora: “Sono andata alla toilette e lui mi è venuto dietro, ‘non è così alto qui (il volume)’ disse ‘qui possiamo parlare meglio’. Beveva Vodka-tonic. Io sedevo sul coperchio del gabinetto, lui stava accoccolato sul pavimento. Io parlai della mia vita, lui della sua. Fu fantastico, quando lasciammo la toilette la discoteca era buia, vuota, chiusa. Ridemmo e aspettammo fino a quando al mattino arrivò la donna delle pulizie. Da allora siamo stati insieme, a volte a Monaco, a volte nella sua casa di Londra.” 

Il rapporto tra Freddie Mercury e le altre rockstar

Se sulla dinamica di relazione tra i due non sembrano esserci molti dubbi, sul rapporto tra Freddie Mercury e le altre rockstar è naturale nutrire qualche dubbio, soprattutto circa il comportamento che venne assunto dal leader dei Queen.

La donna tedesca ha affermato, in proposito: “Credo avesse più stretti contatti con Michael Jackson e Elton John. Elton lo chiamava Melina, Freddie chiamava Elton Sharon. Già allora aveva una strana sofferenza, avveniva sempre improvvisamente, i suoi occhi sporgevano, diventavano blu, i suoi muscoli si tendevano. era fuori di testa, si gettava sul primo arrivato e lo strozzava.”

Addirittura: “Una volta è capitato anche a me a letto. Mi ha quasi ammazzato, il mio vicino è salito e mi ha liberato. Freddie sbatteva la testa contro il calorifero, come fuori di sé, il suo viso sanguinava, non la smetteva. Io misi un cuscino davanti al calorifero. Dopo si addormentò sfinito, appariva così tranquillo come un bambino, quando si svegliò non riusciva a ricordare nulla, disse: “Cosa? E’ successo di nuovo?”

 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.