gtag('config', 'UA-102787715-1');

System Of A Down, quella volta che Serj Tankian venne censurato perché…

Andiamo a vedere quando il celebre programma televisivo Saturday Night Live provò a censurare i System Of A Down (e fallì miseramente). Ma perché quella volta Serj Tankian venne censurato (quasi)? Andiamo con calma. Per chi non lo conoscesse il Saturday Night Live fu un pezzo iconico della televisione dal vivo in seconda e terza serata con momenti comici e di varietà. Lo show nacque nel 1975 e ora è un punto fermo dei fine settimana ma non è uno spettacolo esente di stranezze e momenti discutibili. Lo spettacolo ha anche vantato un’offerta veramente ampia di artisti musicali. Probabilmente è stato uno degli spettacoli di musica mainstream più lungimiranti nella storia della TV americana.

Le varie censure e i momenti divertenti

Nel corso degli anni lo spettacolo è diventato sinonimo di intermediazione di talenti straordinari, ma alcune volte si è reso protagonista di momenti discutibili e centrati per stupidi motivi. Alcuni esempi? Quella volta che ci fu una pesante confusione con l’intervista ai Rage Against The Machine o quella volta che Cypress Hill si fumò una canna. Ma in fondo tutto ciò è perdonabile. Come sempre diversi artisti hanno colto l’occasione di un pubblico gigantesco per fare una dichiarazione, ma non sempre è andata benissimo. Come quella volta con i System Of A Down e il tentativo di censura.

Gli ospiti della musicale della trasmissione e la canzone da cantare

Johnny Knoxville era il conduttore ospite di quel 7 maggio 2005 e diede il benvenuto ai System of a Down nello studio in quanto ospiti musicali. Come sappiamo Serj Tankian e il gruppo di solito non sono il tipo di persone che si conformano ai valori tradizionali. Il gruppo intendeva esibirsi con la loro canzone B.Y.O.B (Bring Your Own Bombs, Porta le tue stesse bombe) per il pubblico in studio e a casa. La canzone aveva un messaggio molto forte e il gruppo era determinato ad assicurarsi che quel messaggio fosse ascoltato. La canzone era nata come una protesta contro la guerra in Iraq, come una accusa verso l’allora presidente George W. Bush.

Il linguaggio da censurare (male)

Le rigide regole che il programma televisivo doveva rispettare furono davvero assurde. La canzone infatti aveva un messaggio politico estremamente dichiarato e doveva essere censurato. La band, per esigenze televisive di linguaggio, doveva evitare di cantare la parte in cui diceva “Dove cazzo sei?” nella canzone. La NBC ha deciso di lasciare che la band cantasse la canzone a loro piacimento. E invece i System of a Down fecero veramente quello che volevano e scelsero di scandire accuratamente il linguaggio volgare.

I System of a Down nella lista nera

La sala di produzione sembrava assolutamente felice in quanto erano riusciti a trovare un accordo per tagliare in maniera opportuna il pezzo. Ecco perché Serj Tankian venne censurato. Il chitarrista Daron Malakian, come si può vedere dalle immagini, fu davvero felice di essere andato contro un pezzo di cultura americana. Questo ebbe ovviamente delle conseguenze e la band venne messa subito nella lista dei cattivi e non sono mai più stati invitati in trasmissione. Ci ritorneranno mai?

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.