27 January, 2021, 23:25

U2, la storia di quel brano che Bono Vox scrisse durante la sua luna di miele

Si sa, anche il luogo in cui una canzone viene scritta e composta è molto spesso determinante. Momenti e attimi sono cruciali per la riuscita di un testo, ragion per cui spesso gli artisti preferiscono un posto ad un altro o ancora, particolari condizioni. Questo può anche non valere però. Se l’ispirazione arriva in un momento specifico e vi è la possibilità di scrivere, perché non farlo? E’ quello che è successo a Bono Vox durante la sua luna di miele, giorni in cui ha scritto “Two Hearts Beats As One“. Ecco la storia di quel brano che Bono Vox, voce degli U2, ha scritto durante la sua luna di miele.

La band e la pubblicazione dell’album

Gli U2 sono una rock band irlandese, molto famosa nel panorama musicale. Hanno avuto una carriera molto proficua. Sono cambiati e si sono evoluti con il tempo pur mantenendo, in linea di massima, sempre lo stesso atteggiamento nei testi, prediligendo la politica e le questioni sociali, senza lasciare da parte dei riferimenti personali. Nel 1983 -com’è noto- pubblicano il famoso album War, il loro terzo. Quest’album fu, insieme ad altri lavori, uno dei maggiori della band e contribuì a fargli raggiungere determinate posizioni; basta pensare che l’album batté Thriller di Micheal Jackson nelle classifiche. Un album che ha saputo raccontare non solo la guerra in sé ma, soprattutto, i postumi emotivi e psicologici.

La pubblicazione del singolo “Two hearts beat as one”

In questo album è contenuta la traccia “Two hearts beat as one“, estratta poi come singolo. Si scelse di farla uscire come secondo singolo e venne pubblicata con esattezza il 21 marzo del 1883.

Come già detto, il brano fu composto da Bono Vox durante la sua luna di miele. Contesto particolare per scrivere una canzone, che pur nasconde una grande valenza. Ottenne un certo successo, soprattutto in Irlanda e fu considerata come una delle migliori tracce di quel periodo. In generale si comprende sin dal titolo quanto sia importante per Bono Vox sottolineare come la dualità possa diventare unità; il che potrebbe essere anche un modo per abbattere il muro delle differenze e delle divergenze, tema molto caro al gruppo. Il riferimento potrebbe anche essere in merito al matrimonio appena avvenuto: il fatto che due cuori adesso battano all’unisono, come fossero uno solo.

Per quanto riguarda invece le esibizioni dal vivo, fu suonata per le prima volta il 26 febbraio dello stesso anno, per poi legarsi, e dunque essere suonata a coppia, a Surrender. Successivamente la canzone venne suonata sempre di meno, fino ad ultima apparizione nel 1985. Fu sorprendentemente riproposta nel 2015.

Share

Maria Geraci, 1999. Laureata in lettere moderne e studentessa magistrale di letteratura, filologia e linguistica italiana. Appassionata di rock, grunge e cantautorato. (mariageraci9@icloud.com)