brit-awards-ultima-apparizione-pubblica-di-freddie-mercury

18 febbraio 1990: l’ultima apparizione pubblica di Freddie Mercury

Il 18 febbraio del 1990 ci fu l’ultima apparizione pubblica di Freddie Mercury in occasione della cerimonia dei Brit Awards, durante la quale i Queen ricevettero il premio per lo straordinario contributo alla musica. Il frontman della band era nella morsa dell’HIV da 5 anni, di cui era gravemente malato, e gli unici a saperlo erano i suoi colleghi. Tuttavia questo non gli impedì di presenziare all’evento, dopotutto, come lui stesso cantò: The Show Must Go On!

La cerimonia e l’ultima apparizione pubblica di Freddie Mercury

Il 18 febbraio 1990 i Brit Awards arrivarono alla loro undicesima edizione. Quando i Queen salirono sul palco, si poteva vedere l’aspetto spossato e scarno di Freddie Mercury, aspetto che mostrava la sua lotta contro quella devastante malattia, nonostante lui fosse molto riservato.

La band trionfò, ma sulla felicità per la vincita del prestigioso premio per lo straordinario contributo alla musica, aleggiava una nube di tristezza perché, al contrario del pubblico, May e compagni sapevano benissimo ciò che stava passando il loro collega e amico Freddie.

I ringraziamenti di Brian May e l’intervento lampo di Freddie Mercury

Fu un emozionato e commosso Brian May a parlare per la band durante i ringraziamenti, che fece a modo suo: “Un ringraziamento speciale all’industria petrolifera britannica per averci concesso questo magnifico riconoscimento in onore a tutte le quantità di vinile riciclate nel corso degli anni“, nonostante tutto, il senso dell’umorismo non lo aveva abbandonato.

Dopo il suo intervento e i saluti di Roger Taylor e John Deacon, toccò a Freddie, visibilmente provato, interagire col pubblico; si mise brevemente davanti al microfono e disse solamente:Grazie… buonanotte“.

I progetti e la vita della band fino al 24 novembre 1991

Dall’ultima apparizione pubblica di Freddie Mercury in poi cambiò qualcosa. Il premio per la band è stato come una piccola ventata d’aria fresca in una guerra tra Freddie Mercury e la malattia contro cui stava combattendo. I Queen, nel frattempo, non permisero al loro mondo di fermarsi. In quel periodo stavano lavorando all’album Innuendo, che verrà pubblicato il 4 febbraio del 1991.

Fu un vero lavoro di squadra; si registrava tenendo conto dei problemi di salute di Freddie, e per andare in contro alle sue esigenze adattarono il loro programma di lavoro seguendo uno schema: tre settimane in studio e due di pausa. L’ultima creatura dei Queen contiene tutta la sofferenza, ma anche tutto l’amore che Brian May, Roger Taylor e John Deacon provavano per il loro collega e amico Freddie, “‘Till the end of time”.

Share

Rebecca Buzzetti, classe 1996. Diplomata come creatrice d'abbigliamento da donna, studentessa di giornalismo. Da sempre appassionata di musica, in particolare rock, arte, sport (soprattutto hockey), letteratura, disegno e scrittura. Persona estremamente ironica, aspirante giornalista e scrittrice. (rebecca.buzzetti@gmail.com)