gtag('config', 'UA-102787715-1');

Van Halen e quel concerto annullato per colpa di un M&Ms

I Van Halen hanno avuto un peso decisamente significativo sulla musica rock moderna. Ma questa volta non siamo qui a parlare del loro valore artistico, per quanto sia sicuramente qualcosa di degno di nota. Andiamo a recuperare allora quell’aneddoto che riguarda i Van Halen e quel concerto annullato per colpa di un M&Ms. Avete letto bene, proprio uno di quei famosissimi cioccolatini alla nocciola e cioccolato, colorati di rosso, blu, giallo, verde e marrone. Proprio quelli di color marrone furono i cioccolatini della discordia perché quando la band se li trovava davanti non poteva assolutamente sopportare.

Le varie bizze delle rockstar e le strane richieste

Voi potreste sicuramente pensare che i Van Halen fossero dei rompi scatole con uno dei soliti atteggiamenti da divi del rock n’roll. In fondo quante volte abbiamo sentito delle richieste davvero incredibili. Ricordiamo ad esempio i Foo Fighters che richiesero di avere un menu molto preciso e che le varie confezioni di cibo fossero intatte. Altre bizze del genere si attribuirono a Marylin Manson il quale aveva richiesto degli Yogurt Danone, degli orsetti Haribo e della carne macinata. Il Reverendo chiese anche una prostituta audace nei camerini, ma specificò che si trattava di uno scherzo. Oppure i Blink182 che volevano sempre un pacco di cereali particolari, i Cap’n Crunch.

Le pretese dei Van Halen sui cioccolatini marroni

Ma quindi anche i Van Halen avevano avanzato una pretesa strana? In realtà no. Quel concerto annullato per colpa di un M&Ms non venne annullato perché la band aveva trovato i cioccolatini marroni in questioni. Per stessa ammissione del cantante della band David Lee Roth, la band aveva stipulato un contratto per andare a suonare in quel determinato evento. La presenza della ciotola di cioccolatini marroni era una sorte di provocazione perché in questo modo la band avrebbe capito immediatamente se il contratto era stato letto per intero o no. Molto spesso gli organizzatori dei concerti leggono i contratti in maniera molto distratta e di fretta ed era quindi facile capire le magagne.

Non si trattava di un capriccio da star

Negli anni passati i Van Halen avevano denunciato gli organizzatori locali per non aver rispettato i requisiti minimi di sicurezza. Una volta c’era stato un incidente con un motociclista che aveva rischiato la vita perché gli organizzatori non avevano rispettato le misure di sicurezza. La band decise così di essere molto rispettosi dei contratti e molto attenti per cercare di rendere tutto perfetto e soprattutto sicuro. I Van Halen volevano che tutto fosse al posto giusto e la simpatica clausola dei cioccolatini era un modo per capire se gli organizzatori avevano fatto le cose per bene.

La reazione di David Lee Roth

“L’intero show verrà immediatamente cancellato e la band riceverà il pieno compenso se nell’area di backstage saranno presenti M&M’s marroni.” Questo diceva la clausola. Dal momento che gli organizzatori sono in grado di fare un concerto enorme, sanno rispettare perfettamente le misure di sicurezza. Il cantante disse che quando trovò i cioccolatini capì che il contratto non era stato letto e distrusse il camerino per la rabbia. 10mila dollari di danni.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.