gtag('config', 'UA-102787715-1');

Who, quella volta che Keith Moon bloccò una strada per svuotare la sua camera d’albergo

Keith Moon, lo storico batterista degli Who, era davvero un pazzo scatenato. Nel corso della sua breve esistenza, conclusasi bruscamente a Londra il 7 settembre del 1978 in seguito ad un’overdose, all’età di soli 32 anni. Un vero uomo selvaggio che, quando nutriva dentro di sé un qualsiasi desiderio, doveva assolutamente realizzarlo. Anche l’episodio che stiamo per raccontare, risalente al 30 aprile del 1976, non fa altro che porre in evidenza le peculiarità di un personaggio al di sopra di ogni schema fisso.

Cosa fece Keith Moon a New York

Nel bel mezzo di una tournée negli Stati Uniti degli WhoKeith Moon stava vivendo un momento di noia assoluta. Era seduto nella sua camera d’albergo a New York e non sapeva come passare il tempo. Eppure, grazie anche alle sue infinite disponibilità economiche, un modo per superare il nulla assoluto lo avrebbe trovato di lì a poco. Decise così di pagare nove tassisti 100 dollari ciascuno con un obiettivo ben preciso, ossia di bloccare la strada fuori all’hotel nel quale soggiornava. Quindi, una volta resa la sede stradale interamente chiusa al traffico, decise di svuotare la sua camera. In pratica, buttò giù una lunga serie di oggetti, accertandosi di non far del male ad alcun passante.

Una follia sempre fuori dal comune

Basterebbe un gesto del genere a dimostrare quanto Keith Moon non avesse alcuna intenzione di confondersi in una massa imberbe. Il musicista viveva davvero ogni giorno della sua esistenza come se fosse l’ultimo. Tra gli altri gesti sopra le righe, vanno segnalate le situazioni nelle quali suonò con le bombe nella sua batteria, investì il suo stesso autista e si tuffò nell’Oceano Atlantico. Diversi personaggi si resero conto del carattere particolare dell’artista. Ad esempio, il cantante Alice Cooper sintetizzò l’attitudine di Moon parlando così: “Nessuno era in grado di competere con Keith Moon. Circa il 40% di ciò che si sente su me, Iggy Pop od Ozzy Osbourne è vero. Tutto ciò che hai sentito su Keith Moon è vero e ne hai sentito solo la decima parte”. Anche lo stesso Keith raccontò in poche parole il suo modo di pensare: “Quando hai tanti soldi e fai ciò che faccio, la gente ride e dice che sei eccentrico, quando vogliono solo dire che sei completamente matto”.

Cosa ha detto Roger Daltrey su Keith Moon

Il cantante degli WhoRoger Daltrey, ha a sua volta raccontato quanto fosse stato difficile e al tempo stesso stimolante andare in tour con Keith Moon. Lo ha fatto in occasione di un’intervista rilasciata a GQ nel 2018. “È stato l’uomo più divertente che io abbia mai conosciuto, ma anche il più triste. L’ho visto al suo apice e al suo momento più basso. Aveva un talento imperdibile, ma non riusciva mai a mantenere il controllo. È stato a suo modo geniale, anche quando faceva l’attore cinematografico”. Nonostante gli eccessi di Moon, gli Who persero buona parte del loro smalto dal momento della sua tragica morte.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)