gtag('config', 'UA-102787715-1');

Woodstock, il tecnico del suono rivela: “Carlos Santana era strafatto di…”

Eddie Kramer ricorda di aver ricevuto iniezioni di vitamina B per superare tre notti insonni di registrazione dell’evento. Il famoso ingegnere di studio Eddie Kramer ha parlato della registrazione dell’iconico Festival di Woodstock nel 1969. Nella sua carriera, Eddie è stato coinvolto nella produzione di cinque dischi dei Led Zeppelin e ha anche lavorato con Jimi Hendrix in ciascuno dei suoi tre album da solista, nonché con John Mayall, Traffic, KISS e molti altri. Ha raccontato un aneddoto su Jimi Hendrix e su Carlos Santana. Su Santana Kramer ha detto: “Era strafatto di acidi”.

Non conosceva Carlos Santana

Kramer ha detto: “Ricordo di aver sentito Jerry Garcia dei Grateful Dead parlare di come a un certo punto avrebbe pensato che l’intero palco sarebbe crollato. Questo è ciò a cui si riferiva. Il palco in sé era fantastico. La maggior parte di quelle band che hanno suonato a Woodstock in qualche modo sono diventate leggende enormi. In realtà non avevo mai visto Santana, è stata una cosa che mi è piaciuta molto. Ho pensato che fosse un set fantastico, e ha fatto la sua carriera, questo è certo. Joe Cocker lo conoscevo, avevo lavorato con lui al Record Plant di New York nel ’68, entrò dalla finestra del bagno, quindi conoscevo abbastanza bene lui”.

L’aneddoto su Carlos Santana

Ma qual è stato il momento clou dell’intero spettacolo per lui? Per lui fu il momento in cui Jimi Hendrix suonò la chitarra. Ha detto: “Ci sono pochissime cose nella storia registrata in cui dici semplicemente,” Oh mio Dio, questo sta davvero accadendo.” È una resa incredibile, grazie a Dio è stata catturata su film e su nastro. Non ho preso alcun farmaco e mi hanno offerto iniezioni di vitamina B12. È stato orrendo, ma mi ha fatto andare avanti. E tazze di tè”. Per lui l’artista più difficile da registrare fu Carlos Santana perché le prime due canzoni non suonavano bene. I tecnici (e pure gli artisti, tra cui Carlos Santana) si fecero di acidi per andare avanti.

Perché Santana era stonato?

Ecco che Carlos rispose: “‘Sai perché ero così stonato?”. La risposta venne subito dato che il chitarrista fece cadere un sacchetto di acidi. Questo spiegava tutto, Carlos Santana era strafatto di acidi. Ha poi detto: “Sì amico, quando sono salito sul palco e ho preso la mia chitarra, e l’ho guardato, c’erano dei serpenti che uscivano dalle corde. Ho pregato Dio, Per favore, lasciami suonare in tempo, io non prenderò mai un altro farmaco. Ma hey, queste cose accadono.”. Ricordiamo sempre che eravamo a Woodstock e in quel luogo girò di tutto.

Come reagì Jimi Hendrix?

Jimi era frustrato per aver suonato tardi e alla fine suonò con molte meno persone davanti rispetto al previsto. Il tecnico del suono Eddie Kramer disse che fu un vero professionista e suonò ugualmente ma alla fine tutti seppero che non fu così contento dal momento che gli accordi erano diversi. Per lui era una prova di fronte a quello che pensava sarebbe dovuto essere circa mezzo milione di persone, ma non fu così.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.