23 January, 2021, 13:52

Zucchero e quella volta che incontrò Eric Clapton

Nel corso della sua lunga carriera, Zucchero ha avuto l’opportunità di incontrare numerose star della musica a livello globale. È anche questo un riconoscimento di grandezza, ossia la capacità di essere all’altezza di autentiche leggende del rock. Entrando nei particolari, in questo caso vi raccontiamo la storia dello straordinario incontro di Adelmo Fornaciari con uno dei chitarristi più apprezzati di ogni epoca. Stiamo parlando di Eric Clapton, artista a tutto tondo che è riuscito a riscrivere la storia del rock e del blues grazie a composizioni e assoli davvero straordinari. Vediamo cosa accadde in quella occasione e cosa ne pensa Zucchero a riguardo.

Lo straordinario evento del dicembre del 2019

Tra i cantanti italiani più apprezzato a livello internazionale, Zucchero occupa senz’altro un ruolo di rilievo. Nel mese di dicembre del 2019, il cantautore e musicista originario di Reggio Emilia ha preso parte ad un evento molto importante. Sting e sua moglie, infatti, hanno organizzato un concerto all’insegna della solidarietà a New York. L’ex leader dei Police ha scelto nel suo ampio parterre di ospiti anche mister Fornaciari. I due avrebbero poi collaborato fino alla stesura del singolo September, inciso in duetto e che sarà pubblicato il 27 novembre.

Al tempo stesso, sul palco newyorchese sono salite numerose altre star della musica. Da Debbie Harry al Boss Bruce Springsteen, da James TaylorBob Geldof, senza dimenticare Shaggy, DMC e Ricky Martin, le stelle si sono susseguite. Tuttavia, buona parte della fama di Sugar è dovuta alla sua amicizia con un vero fenomeno della musica. Stiamo parlando proprio di Eric Clapton, lo storico membro dei Cream sul quale ha davvero tanto da raccontare.

L’amicizia sincera tra Zucchero ed Eric Clapton

Zucchero ha rilasciato un’intervista al giornale Il Fatto Quotidiano, durante la quale ha fornito diversi particolari inerenti alla sua amicizia con Eric Clapton“È un amico vero”, esordisce Fornaciari. “Ogni volta che vado a suonare presso la Royal Albert Hall di Londra, mi presta tutto il suo set al fine di farmi risparmiare”. Non a caso, Slowhand è stato uno dei primi a rendersi conto della bravura del cantautore italiano, nonché della sua capacità di diventare un artista di respiro internazionale.

Quando ha avuto inizio l’amicizia con Eric Clapton? Il primo incontro risale al 1988 ad Agrigento. Il chitarrista si presentò ad un concerto di Zucchero insieme alla sua compagna Lory Del Santo. Quindi, venne a sapere in qualche modo dell’arrivo del celebre collega. “A fine spettacolo mi avvisano della presenza di Clapton. Non ci credevo, mi sembrava un sogno”. Sugar ha poi aggiunto che Eric era entrato nel backstage e aveva tutta l’intenzione di portarlo con sé per un suo tour. “Da quel momento in poi, lo seguo in maniera regolare. Spesso va a pescare i salmoni in Islanda insieme al frontman dei Procol Harum.

Come già accennato in precedenza, non è l’unica star del rock con la quale Zucchero è entrato in piena sintonia. Oltre a Sting, un’altra persona da lui molto apprezzata è Bruce Springsteen“È una persona di poche parole, seria e gentile. Dopo il concerto mi ha fatto i complimenti e mi ha abbracciato”, ha sentenziato la star della musica italiana.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)