10 canzoni dedicate ad artisti scomparsi

Le canzoni decidate ad artisti scomparsi

Ci sono, nella storia della musica, alcune canzoni che sono state ispirate da scomparse atroci, che hanno determinato un cambiamento importante nella vita di artisti o band. Altre volte, addirittura, queste canzoni sono dedicate proprio a queste, in particolar modo ad artisti che sono scomparsi. La musica è piena di canzoni dedicate ad ex compagni di band o amici, non solo morti (è il caso, ad esempio, dei numerosissimi tributi fatti dai Pink Floyd a Syd Barrett). In quest’articolo, parleremo di 10 tra le canzoni dedicate ad artisti scomparsi.

“Desperado” di Alice Cooper è dedicata a Jim Morrison

Desperado è la quarta traccia di Killer, quarto album in studio di Alice Cooper. Lo stesso Cooper ha dichiarato che il brano è dedicato a Jim Morrison, suo amico, che è morto nell’anno della pubblicazione dell’album. Tuttavia, secondo la NPR, la canzone parlerebbe di Robert Vaughn, personaggio del film The Magnificent Seven.

“Tearjerker” dei Red Hot Chili Peppers è dedicata a Kurt Cobain

Brano del 1995, è una traccia del sesto album in studio dei Red Hot Chili Peppers, Red Hot Minute. La storia racconta che Anthony Kiedis, leader della band, abbia saputo della morte di Kurt Cobain proprio mentre era in fase di registrazione del nuovo album. Appresa la notizia, ha avuto bisogno di sedersi e, in poco tempo, aveva scritto la canzone dedicata all’amico Kurt.

“A Boat Lies Waiting” di David Gilmour è dedicata a Richard Wright

Quarta traccia del quarto album in studio di David Gilmour, Rattle Than Lock, il testo del brano è stato scritto da Polly Samson, mentre lo stesso Gilmour si è occupato della composizione. Il brano è dedicato a Richard Wright, cantanutore, polistrumentista e compositore britannico celebre per essere stato il co-fondatore e tastierista dei Pink Floyd. Wright, scomparso nel 2008, ha ispirato il brano del 2015.

“Back in Black” degli AD/DC è dedicato a Bon Scott

Back in Black, l’album del 1980 che ha portato alla consacrazione gli AC/DC, contiene un buon numero di canzoni che sono dedicate a Bon Scott, leader della band scomparso e sostituito, poi, da Brian Johnson. Proprio Johnson è fondamentale per quel che riguarda la title track: la canzone, piena di urla strazianti, sembra essere una sfida a quella morte che aveva colpito il leader della band. Una sorta di riscatto della formazione stessa, che è riuscita ad andare oltre.

“Never Without You” di Ringo Starr è dedicata a George Harrison

Ex compagni di band, l’amicizia tra Ringo Starr e George Harrison non è svanita neanche dopo l’esperienza nei Beatles. Testimonianza di tutto ciò è Never Without You, brano del 2003 contenuto nell’album Ringo Rama. La canzone è stata scritta a più mani dallo stesso Ringo Starr, Mark Hudson e Gary Nicholson. Nel brano non si fa solo riferimento a George Harrison: insieme a lui vengono citati altri due amici di Ringo Starr scomparsi, John Lennon e Harry Nillson.

“To Live Is to Die” dei Metallica è dedicata a Cliff Burton

Il brano, pubblicato il 25 agosto del 1988, fa parte del quarto album in studio dei Metallica … And Justice for All ed è dedicato a Cliff Burton, bassista della band che scomparse tragicamente due anni prima, in un incidente. Proprio Burton aveva composto il brano, prevalentemente strumentale, il cui testo si limita solo a quattro versi. Il brano è stato eseguito dal vivo per la prima volta nel 2011; prima non era mai accaduto, proprio per rispetto nei confronti del bassista.

“Beetwen Two Words” degli Uriah Heep è dedicata a David Byron e Gary Thain

Brano di Sonic Origami, del 1998; è una dedica da parte degli Uriah Heep a due ex membri della band: David Byron, frontman della band, e Gary Thain, bassista. Entrambi gli ex membri sono morti per dei problemi relativi all’abuso di sostanze: Thain, infatti, è morto nel 1975 per abuso di eroina; Byron, invece, è morto dieci anni dopo per problemi con l’alcol.

“No One But You (Only the Good Die Young)” dei Queen è dedicata a Freddie Mercury

Si tratta dell’unica canzone incisa dai tre rimanenti componenti della band prima del 2005, quando c’è stata la reunion con Paul Rodgers. I Queen hanno dedicato questa canzone a Freddie Mercury, tragicamente scomparso nel 1991, che rappresenta l’esempio di cui i tre membri si servono per parlare di tutti coloro che muiono prematuramente. La prima esecuzione pubblica di questa canzone c’è stata nel 2015, all’Arena di Verona.

“Roll on John” di Bob Dylan è dedicata a John Lennon

Il brano, del 2012, è contenuto nel 35 esimo album in studio di Bob Dylan, Tempest. Si tratta di un brano in cui Bob Dylan si riferisce a John Lennon, conosciuto negli anni ’60. Prima del suo omicidio, tutto ciò era poco noto; nel brano non è presente soltanto la figura di Lennon ma anche citazioni a sue canzoni, come “The Ballad of John and Yoko”.

“A Day Without Me” degli U2 è dedicata a Ian Curtis

La canzone fa parte dell’album Boy, del 1980, primo lavoro in studio della band U2. Il brano riflette a proposito della tematica del suicidio, trovando come ispirazione maggiore Ian Curtis, leader dei Joy Division che si è tolto la vita nello stesso anno. Curtis è sempre stato, per Bono, una grande ispirazione.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.