22 settembre 2021 13:31 mercoledì

5 canzoni Metal da ascoltare quando si è arrabbiati

La musica, in tutte le sue sfaccettature, rappresenta una valvola di sfogo emotiva perfetta per esorcizzare i propri demoni interiori e ritrovare attimi di dolce stabilità. I sentimenti più contrastanti riescono a collidere nella poesia dei testi e nell’eclettismo della musica che crea un connubio perfetto tra arte ed emozioni. La magia della musica, nasce, di per sé, dall’esigenza dell’uomo di esplicare ciò che più attanaglia il proprio inconscio e che, risulta impossibile da esprimere a parole. Da sempre la musica è stata la massima espressione e il porto sicuro degli animi più tormentati. Personalità immense, osteggiate dal loro stesso essere. Il Metal, ricopre un ruolo chiave nella scoperta delle emozioni più primitive e pericolose.

Un genere che nasce, ad hoc, per calzare sullo sfogo dei propri esponenti. Persone stanche dei canoni inibitori con cui, la società, tendeva via via, ad insinuarsi, osteggiando la libertà di espressione della musica che, tipicamente, trascende il corpo. Il Metal si opponeva al capitalismo, all’industria logorante e, più in generale, a tutto ciò che di marcio, si celava dietro la quotidianità della vita. Sebbene anche il Metal abbia dato luogo ad una serie di tendenze più commerciali, questo è, in ogni caso, rimasto il genere monito di rivalsa nei confronti del mainstream. In questa classifica, abbiamo raccolto alcuni brani Metal perfetti da ascoltare nella criticità di un momento di rabbia per trovare il conforto sperato.

5) Metallica – St. Anger

St. Anger rappresenta il culmine dell’espressione del Thrash Metal e del sound inconfondibile dei Metallica. Sperimentalismo e tecnica lasciano spazio ad un brano esplosivo, un concentrato di rabbia sanguinaria che, tuttavia, riesce, al contempo, ad esprimere a pieno la melodia del brano. St. Anger è un manifesto assoluto del Metal e un’opzione ideale per sfogare le proprie frustrazioni attraverso la musica.

4) Pantera – Mouth For War

Negli anni ’90, Vulgar Display Of Power sancì l’affermazione egemonica e prepotente dei Pantera sul panorama musicale internazionale. La scena venne totalmente travolta da un album assolutamente incendiario, privo di compromessi. Un’opera che, nell’esplicazione di collera e odio, non ha lasciato nulla al caso. La traccia d’apertura, Mouth Of War è un concentrato esplosivo costruito ad opera d’arte sulla base di un riff imponente e di un testo dall’apporto critico immenso.

3) Marilyn Manson – The Fight Song

L’immagine di Marilyn Manson si scaglia ferocemente, attraverso la critica dissacrazione della religione e del totalitarismo politico, destando clamore attraverso il nichilismo apocalittico che traspare dalla sua figura. Il tutto, non attecchirebbe sulla società e sui media mondiale,  se non fosse accuratamente accompagnato da uno stile musicale oscuro, distruttivo e puramente anarchico. Marilyn Manson è un simbolo della cultura Metal moderna e della lotta costante tra libertà e materialismo.

2) Sepultura – Refuse/Resist

Il brano ha dimostrato al mondo quanto, la band, fosse, di fatto, una forza della natura incontrastabile. Refuse/Resist sembra essere intrisa del sangue di mille rivolte, un inno alla sovversione eseguito con straziante sincerità. I Sepultura sono stati tra i primi ad inserire nel Metal, inflessioni della World Music e, in particolare del Folklore Brasiliano. Refuse/Resist si schiera a pugni chiusi contro l’ingiustizia sociale, consacrando la band come portavoce di un popolo inviso dalla lotta interna, stanco delle catene di una politica oppressiva e corrotta.

1) Slipknot – People = Shit

People = Shit proviene dall’album capolavoro degli Slipknot, Iowa. Con il loro secondo album, la band originaria di Des Moines ha portato tematiche come l’odio, l’oscurità ed il nichilismo sulla scena mainstream, inondandola di ferocia. People = Shit è un’accusa criticamente violenta contro chiunque osteggi il proprio cammino. L’epitome definitiva dell’obiettivo primario della musica Metal. Lo sfogo più instabile e prepotente che la mente umana possa concepire. Tra lacrime, grida e dolore, Iowa, non è solo una pietra miliare del genere, quanto una valvola di sfogo brutalmente sincera contro le inibizioni e i drammi della vita.

Share