27 settembre 2021 01:03 lunedì

Rob Halford: “Ecco dove lavoravo prima di entrare nei Judas Priest”

Tutti gli amanti della storia della musica e i conoscitori dei Judas Priest sanno riconoscere in Rob Halford uno dei fronti più importanti che si siano distinti nell’ambito della storia della musica. Parliamo, non a caso, non soltanto di un cantante dal grandissimo talento artistico, ma anche di una personalità certamente irriverente e ricca di determinazioni caratteriali, che ha portato una band come i Judas Priest a ottenere un grandissimo successo e impatto mediatico nel corso degli anni. Eppure, il suo lavoro, intrapreso prima di entrare a far parte della band, era totalmente differente, e ha visto lo stesso Rob Halford lavorare all’interno di un sexy shop. Il cantante ha parlato di quale fosse stata la sua esperienza lavorativa prima di divenire uno i più grandi emblemi della musica metal contemporanea. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito del suo lavoro e dei suoi trascorsi personali e lavorativi.

Rob Halford e la sua esperienza con sexy shop

A proposito della sua esperienza lavorativa, avvenuta prima di diventare il frontman dei Judas Priest, Rob Halford ha spiegato in che cosa consistesse il suo lavoro all’interno di un sexy shop. Queste sono state le sue parole a proposito: “Sì. Ho trascorso un periodo vendendo dildo, anelli per il cazzo e riviste per seghe, quel genere di cose. E ho anche lavorato al Grand Theatre di Wolverhampton, che era… Stavo per dire più rispettabili, ma penso che siano entrambi piuttosto rispettabili. Devi sbarcare il lunario. Ho fatto entrare una clientela interessante nel negozio di porno, da tutti i ceti sociali. Tutti hanno bisogno di quella roba.”

E ancora: “È stato un duro lavoro. Siamo andati da Inverness e John o’ Groats ovunque. È stato brutale. Suonavi, tornavi in ​​macchina, entravi alle quattro del mattino e poi ti alzavi per andare a lavorare. Ma è quello che dovevi fare se ci credevi. Questo è pagare i tuoi debiti, è mostrare il tuo impegno. Ci sono voluti circa 10 anni e centinaia di spettacoli all’anno, ma ci ha trasformati in quello che siamo. Non sono affatto amareggiato, ma dietro hotel e aerei privati ​​e quant’altro, è ancora difficile il lavoro che facciamo. Non ci siamo mai rilassati, siamo sempre stati in viaggio o in studio per quasi 50 anni, anche durante il mio esodo negli anni ’90”.

Rob Halford e le sue responsabilità nel mondo del metal e della musica

Il frontman dei Judas Priest ha anche parlato di quali siano le sue grandi responsabilità nel mondo del metal e della musica. In prima battuta, il cantante ha parlato dell’etichetta di God of Metal che gli è stata sempre affibiata: “Sono stati i fan a iniziare. Ti vedevano e dicevano, ‘Ehi, Metal God, come va?’ È fantastico, amico, è meglio che essere chiamato Testa di Cazzo. Significa molto per me, e quando mi preparo per il lavoro, è quello che mi sto trasformando. E lo facciamo tutti, nei Judas Priest. La tua personalità cambia e diventi una persona diversa. Probabilmente mi ha aiutato più di ogni altra cosa, e ringrazio i fan per avermelo messo sulle spalle”.

Tutto ciò, ovviamente, comporta delle responsabilità nel mondo della musica: “Sì. Ecco il punto: non mi interessa chi sei, non deludere i tuoi fan. Ci penso sempre. Qualcuno ha pagato un biglietto, è tornato a casa dal lavoro, è salito in macchina sotto la pioggia, o in alcuni casi un aereo, e siamo tutti in una stanza insieme da qualche parte a uno spettacolo, aspettativa incorporata. E se non metti in scena il miglior spettacolo della tua vita in quel momento, dimenticalo. Non puoi semplicemente uscire e dare il 50 percento. Tutto ciò si collega all’essere il Dio del Metal. È una grande responsabilità, ma è un bene. È una cosa profonda.”

Rimani aggiornato sulle principali news nel mondo del rock!

Share