17 May, 2021, 18:15

Joe Bonamassa rivela quante chitarre possiede all’interno della sua immensa collezione

Come spesso abbiamo sottolineato all’interno delle nostre pubblicazioni, Joe Bonamassa è considerato come uno dei chitarristi più importanti e rappresentativi all’interno della musica contemporanea. Non a caso, il suo nome è spesso presente quando si parla di classifiche e di liste riguardanti i chitarristi più importanti che si siano distinte negli ultimi anni. Allo stesso tempo, abbiamo sottolineato anche quale sia la passione dello stesso chitarrista per lo strumento musicale che l’ha reso celebre. Una passione così tanto grande che ha portato Joe Bonamassa, nel corso degli anni, ad accumulare un numero incredibilmente alto di chitarre, non che queste stesse siano direttamente utili alla sua composizione, ma per amore del collezionismo. Finalmente, in una recente intervista, Joe Bonamassa ha rivelato quante chitarre possiede all’interno della sua immensa collezione, e alle quali si possono naturalmente aggiungere i numerosissimi amplificatori che lo stesso chitarrista ha accumulato nel corso degli anni.

Le dichiarazioni di Joe Bonamassa sulla sua immensa collezione di chitarre e di amplificatori

All’interno di una recente intervista, Joe Bonamassa ha indicato quante sono le chitarre e gli amplificatori presenti all’interno della sua immensa collezione. Un numero incredibilmente elevato e rappresentativo della grande passione che lo statunitense ha per questo stesso strumento.

Queste le sue dichiarazioni a proposito: “Ho circa 400 chitarre e 400 amplificatori, ed è brutto, è davvero brutto. Non è una buona cosa. E non dovrebbe essere una buona cosa. È solo, è quello che è, sono figlio di un rivenditore di chitarre e ho ricevuto il bug.” Scendendo nello specifico dei pezzi della sua collezione, il chitarrista ha spiegato quali siano alcuni degli strumenti più pregiati presenti all’interno della stessa: “Ho tre Flying V originali, ho la Les Paul del 1960 di Tommy Bolin. Ho più chitarre e attrezzature di quante qualsiasi altro essere umano dovrebbe mai richiedere o aver bisogno o con cui vorrebbe stare nella stessa stanza […] Ci sono alcuni strumenti leggendari nella collezione solo per impostazione predefinita e ci sono alcuni strumenti leggendari che sono associati a me e al mio modo di suonare, e l’intera cosa prende vita da sola”. 

Joe Bonamassa e il suo provino per gli UFO quando aveva 18 anni

Avreste modo di immaginare Joe Bonamassa all’interno di una band come gli UFO? A quanto pare, le concrete possibilità c’erano all’inizio della carriera dello statunitense, che ha effettuato un provino per la band stessa: “Ho fatto un provino per gli UFO quando avevo 18 anni. Alla fine è toccato a me e Vinnie Moore. E Vinnie Moore era molto più adatto per quella formazione di quanto lo sarei stato io a 18 anni.  Ho fatto un’audizione a casa di Pete Way a Columbus, Ohio, e a loro è piaciuto il mio tono, a loro è piaciuto il mio modo di interpretare Rock Bottom, ma sembravo Opie Taylor.”

Share