R3M
LIVE

Robert Plant rivela l’esistenza di una lettera mai aperta che avrebbe potuto cambiare la sua vita

Robert Plant, com’è noto, è uno dei musicisti più importanti della storia del rock. Cantautore, musicista e compositore, è in attività musicale dalla seconda metà degli anni Sessanta circa e risulta, nonostante lo scioglimento dei Led Zeppelin – gruppo di cui è stato il frontman – ancora attivo. Dopo lo scioglimento del gruppo, avvenuto nel 1980 a causa della morte del batterista, John Bonham, ha continuato la sua carriera da solista, senza mai abbassare le aspettative.

Gli inizi: Robert Plant durante gli anni Sessanta

Si sa: la carriera del musicista non è facile da intraprendere ma, soprattutto, non è facile da mantenere. Bisogna considerare i ritmi, gli impegni, tutto ciò che può andare e storto e anche l’esposizione ai media e – come nel caso di Robert Plant – potremmo dire al mondo. La sua attività musicale, come ricordato prima comincia negli anni Sessanta, con precisione nel 1966. Questo piccolo dettaglio ci servirà a ricostruire una situazione bizzarra e particolare che coinvolge il cantautore e una lettera mai aperta da parte della madre.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Robert Plant (@robertplantofficial)

Il contenuto della lettera: un’altra vita per Plant?

Come quasi ogni cantante e musicista, prima di diventare tale, anche Robert Plant aveva una da adolescente, visto che si era formato brevemente come dottore commercialista prima di scegliere, invece, di andare al college. A Rolling Stones ha però rivelato che ha passato parte del 2020 a sistemare i suoi archivi personali e, come spesso accade, qualcosa di mai notato è saltato fuori. Si tratta di una lettera della madre, datata 1967, che riportava:

“Robert, dovresti tornare a casa ora. Sue ti sta aspettando e l’ufficio del contabile è felice di riaverti indietro”

Ha poi aggiunto:

“Se l’avessi aperto, avrei potuto riprenderlo. [in merito al lavoro] Immagina! Adesso andrei a caccia di fagiani da qualche parte ai confini del Galles. […] è ironico che non l’abbia mai aperto: era una lettera di mia madre.”

Articoli correlati

Condividi