gtag('config', 'UA-102787715-1');

Nuovo album AC/DC, Dave Evans: “ho ascoltato le demo del nuovo disco e…”

Nel corso di un’intervista per Nacion Rock Mexico, il cantante della prima formazione degli AC/DC, Dave Evans , ha rivelato che Angus Young, Phil Rudd, Brian Johnson e Cliff Williams si sono riuniti principalmente per lavorare ad un nuovo album basato sulle demo registrate negli ultimi anni da Malcolm Young.  Evans ha detto: “Stavo ascoltando qualcosa che farà sicuramente parte del nuovo album, una traccia suonata da Malcolm mai pubblicata fino ad ora. Inoltre, so per certo che stanno componendo in funzione dei riff e delle cose che il fratello di Angus gli ha lasciato. Credo che gli AC/DC potranno servirsene per anni, Malcolm era il musicista più influente e creativo del gruppo, nonché, il nostro primo produttore”.

Dave Evans ha anche ricordato com’era militare negli AC/DC. Ecco le sue parole: “Ho dei ricordi fantastici con loro. Non mi viene mai di ricordare un aneddoto in particolare, ne abbiamo passate così tante insieme! Ricordo la prima volta che ci siamo incontrati e abbiamo discusso insieme su come mettere su il gruppo. Fu un’esperienza meravigliosa. Ci esibimmo per la prima volta dal vivo al Checkers, un nightclub di Sydney. Iniziò tutto da li. Poco dopo registrammo il nostro primo disco, la nostra prima volta in una sala d’incisione, si susseguirono in modo incredibilmente veloce una serie di nuove esperienze indescrivibili. Siamo nati dal nulla e, in men che non si dica, siamo diventati una delle band più famose di tutta l’Australia”.

Dave Evans potrebbe tornare negli AC/DC?

Sulle fan page maggiormente riconosciute degli AC/DC nel mondo, sono recentemente apparsi i post di Dave Evans su Twitter, nei quali il cantante ha tuonato contro alcune voci di corridoio secondo le quali, questi, sia prossimo a tornare negli AC/DC. Evans ha espresso la sua volontà di non voler rientrare nel gruppo, tuttavia, sembrerebbe che nessuno gli abbia direttamente chiesto di tornare nella band di Back In Black.

Sembrerebbe, infatti, che i rumors su di lui e sul suo ritorno nel gruppo sarebbero nati da fonti poco attendibili. Questo renderebbe, in primo luogo, le risposte di Evans altamente superflue e, di conseguenza, il polverone sollevatosi per la questione, il mero pretesto degli artefici di tutto questo per sollevare un polverone mediatico da un problema che, fattivamente, parrebbe non esistere.

Ulteriori conferme per il nuovo album del gruppo

Dopo la comunicazione ufficiale secondo la quale gli AC/DC sarebbero tornati in tour con Brian Johnson nel 2020, i fan dell’iconica band, che  auspicavano da tempo il ricongiungimento del gruppo con il mitico frontman e che, tutt’oggi, auspicano con trepidazione un nuovo, sensazionale, album, sono andati letteralmente in estasi. L’attesa sembrerebbe prossima a volgere al termine. Le dichiarazioni di Dave Evans hanno, infatti, dato man forte a ciò che, in precedenza, era stato rivelato dal frontman dei Twisted Sister, Dee Snider e dal leader del gruppo Black Metal polacco, Behemoth, Adam Michal Darski; meglio conosciuto come Nergal.

Nel corso di un’intervista per Loudwire, Nergal ha dichiarato di essere al corrente del fatto che gli AC/DC avrebbero, ben presto, rilasciato un nuovo album con il contributo postumo di Malcolm Young. Secondo Darski, si tratterà di un disco tratto dalle out-take  di Rock Or Bust. Un tweet di Dee Snider ha, successivamente, confermato le indiscrezioni di Nergal. “Che Malcolm Young riposi in pace. Gli altri quattro membri del gruppo sono ancora vivi e si sono riuniti per lavorare alle tracce registrate da Malcolm quand’era ancora in vita. Suo nipote, Stevie Young, lo sostituirà, perseguendo l’obiettivo di mantenerne viva la memoria. Stevie l’ha già fatto altre volte, dimostrandosi all’altezza dell’arduo compito. È ciò che più si avvicina alla formazione originale”.

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal.