gtag('config', 'UA-102787715-1');

Aerosmith, quel periodo in cui nessuno voleva lavorare con la band di Steven Tyler

Gli Aerosmith sono passati alla storia come una delle band ad aver meglio incarnato lo spirito selvaggio ed eccessivo del rock ‘n’ roll. La coppia più iconica della formazione in particolare, composta da Steven Tyler e Joe Perry, è conosciuta nell’ambiente con l’emblematico appellativo di Toxic Twins. Questo e tanti altri fattori hanno contribuito a creare un clima di avversione e disdegno degli altri musicisti nei confronti degli Aerosmith. Ma nello specifico, perché nessuno voleva lavorare o andare in tour con loro?

TOXIC TWINS, STORIA  E SIGNIFICATO DEL SOPRANNOME DI STEVEN TYLER  E JOE PERRY

Toxic Twins è il soprannome con il quale sono conosciuti nell’ambiente della musica e del rock i due capostipiti degli Aerosmith, Steven Tyler e Joe Perry. I due riuscirono ad aggiudicarsi questo appellativo negli anni ’70, quando erano noti per il loro sfrenato abuso di sostanze stupefacenti ed alcol. Un mix pericoloso e tossico che mise spesso a repentaglio la loro vita.

Sebbene siano ancora conosciuti come Toxic Twins, Tyler e Perry sono in effetti puliti da anni ormai. Assieme hanno fatto la storia degli Aerosmith e scritto oltre 80 canzoni della vasta discografia della band statunitense.

AEROSMITH, LO STILE DI VITA ECCESSIVO E I DANNI ALLA CARRIERA

Sebbene, come detto poco sopra, oggi i componenti degli Aerosmith siano puliti e non facciano più uso di droghe ed alcol, c’è stato un tempo in cui erano una band davvero difficile da gestire. Steven Tyler e Joe Perry – i due membri più conosciuti della formazione – era soliti abbandonarsi ad un abuso eclatante di quelle sostanze. Il tutto si traduceva in comportamenti scellerati, feste selvagge, danni e ripercussioni negative sulla carriera.

Inoltre questa pericolosa propensione dei Toxic Twins – che senza dubbio incarnavano al pieno lo spirito del sesso, droga e rock ‘n’ roll – inimicò loro moltissime altre rockstar e addetti ai lavori che lavoravano in ambito musicale. Tom Hamilton, bassista degli Aerosmith, ha infatti confermato che: “Una sera durante un concerto ci mancavano ancora tre canzoni – ha detto come riportato da NMEquando Steven ha perso conoscenza”. Eventi come questo avrebbero potuto allontanare dal gruppo il favore dei fan o delle etichette discografiche.

STEVEN TYLER, IL PASSATO TRA SOSTANZE STUPEFACENTI E ALCOL

Eravamo fatti, era uno stile di vita – gli fa eco Steven Tyler, a proposito di quel turbolento periodo degli Aerosmithio forse mi facevo un pò più degli altri ma avevo un problema in proposito. Sono impotente di fronte alle droghe che amo perché sono dipendente dalla musica e la musica è la droga più potente di tutte”.

I comportamenti sconsiderati del cantante in primis e del resto della band poi, provocarono agli Aerosmith non pochi problemi nel settore. Stando ad alcuni voci dell’epoca – come riportato anche da Virgin Radio – poteva succedere che la band suonasse più volte di seguito la stessa canzone senza rendersene conto. “Oh no, questo vorrebbe dire che siamo degli stupidi idioti – ha però obiettato Tyler – invece noi eravamo solo dei drogati”.

AEROSMITH, IL TOUR CON I GUNS N’ ROSES

Nel 1988 gli Aerosmith partono in tour con i Guns n’ Roses in un’esperienza che definiranno come “una delle più divertenti della loro carriera”. Il fattore determinante che permette alle due band di coesistere pacificamente e a tutti di lavorare ottimamente, è il fatto che all’epoca Steven Tyler e soci siano già fuori dal giro della droga.

La formazione statunitense continuerà a rimanere pulita anche dopo quel periodo e per tutti gli anni ’90. Ancora oggi gli Aerosmith continuano ad entusiasmare centinaia di migliaia di fan, pensando finalmente solo alla musica.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.