gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, il mistero dei due album usciti lo stesso giorno

Sono molti i misteri e le storie irrisolte che circondano il mondo della musica. Artisti scomparsi prematuramente in circostanze mai del tutto chiarite, album e lavori discografici con un significato oscuro, aneddoti circondati dal mistero. La storia del rock è piena di tanti punti interrogativi, uno su tutti quello che lega due album dei Beatles, usciti entrambi il 22 Novembre a distanza di cinque anni l’uno dall’altro.

BEATLES, IL MISTERO DELLA MORTE DI PAUL MCCARTNEY

Come detto poco sopra di misteri il mondo del rock ne è pieno. Basti pensare all’inquietante maledizione del Club 27. Oppure che molti sarebbero pronti a giurare sul fatto che personaggi come Elvis Presley o Michael Jackson siano ancora vivi. E infine, al mistero sulla presunta morte del bassista dei Beatles, Paul McCartney. Secondo la leggenda di Paul is Dead il musicista britannico sarebbe morto in un incidente stradale nel 1966.

Il mistero sulla tragica scomparsa dell’ex Fab Four è una delle teorie del complotto più famose nella storia della musica. L’aneddoto iniziò a circolare nel 1969 dopo che, dall’analisi di messaggi subliminali nascosti nelle opere dei Beatles, alcuni fan teorizzarono che McCartney fosse morto e fosse stato sostituito da un sosia.

IL MISTERO DEI DUE ALBUM DEI BEATLES

L’altro grande mistero legato alla storia e alla carriera musicale dei Beatles è quello che circonda due album della band britannica. With the Beatles e The Beatles – meglio conosciuto come White Album – usciti entrambi il 22 Novembre a distanza di cinque anni l’uno dall’altro. Il fatto curioso di questa vicenda non è tanto legato all’occorrenza della stessa data, quanto piuttosto al fatto che in quel lasso di tempo i Fab Four abbiano dimostrato una crescita musicale eccezionale.

Cinque anni potrebbero sembrare una distanza ragionevole tra due lavori discografici. Ma le cose vengono decisamente ridimensionate se si pensa che tra il 1963 e il 1968 i Beatles produssero in effetti ben sette dischi – oltre ad alcuni prodotti cinematografici. Album che hanno contribuito alla loro consacrazione internazionale e che hanno ridefinito i canoni della musica mondiale. In soli cinque anni Paul McCartney, John Lennon, Ringo Starr e George Harrison sono riusciti a produrre capolavori del calibro di Rubber Soul e Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band. 

WHITE ALBUM, IL MISTERO DELLA FAMILY DI CHARLES MANSON

Ma non finisce qui. Al White Album è legato un altro mistero, ben più letterale e spaventoso dei precedenti. Il lavoro discografico rilasciato dai Beatles nel 1968 divenne inconsapevole protagonista della cronaca nera californiana alla fine degli anni ’60. Nell’Agosto del 1969 Charles Manson, assieme agli altri squilibrati assassini della Family, compirà infatti l’eccidio di Cielo Drive.

Stando alle successive dichiarazioni del procuratore legale che indagò sul caso, Charles Manson interpretò proprio il White Album dei Beatles come una parafrasi dell’Apocalisse di Giovanni. Nella mente dell’omicida infatti Paul McCartney, John Lennon, Ringo Starr e George Harrison incarnavano i quattro cavalieri dell’Apocalisse. Proprio loro con la composizione del lavoro del 1968 lo avrebbero spinto a cercare di rovesciare il sistema e ne avrebbero legittimato gli efferati e sanguinosi crimini.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.