Black Sabbath: la band terrà un ultimo concerto con Bill Ward

L’Ultimo concerto i Black Sabbath lo faranno con Bill Ward, queste sono le volontà espresse dal leader della band, Ozzy Osbourne, al settimanale Kerrang!.

Le parole di Ozzy su Bill Ward

Il cantante ha sottolineato innanzitutto che i Black Sabbath avrebbero dovuto finire la loro carriera con gli stessi componenti che l’hanno iniziata. Lo scorso 11 maggio si è tenuta la cerimonia di assegnazione del Grammy alla carriera alla band heavy metal al Dolby Theatre di Los Angeles alla quale era presente anche l’ex batterista della band Bill Ward.

Anche se Ozzy Osbourne non era presente alla cerimonia per i problemi di salute che lo hanno afflitto negli ultimi mesi tra cui ricordiamo una grave caduta in casa sua, ha saputo che Bill Ward era presente. Ed è proprio di lui che ha parlato qualche tempo dopo al settimanale Kerrang! affermando che avrebbe volentieri suonato con lui nell’ultimo concerto della band che si tenuto il 4 febbraio 2017 alla NEC Arena di Birmingham.

“Non mi è piaciuto – ha detto Osbourne – il fatto che Bill Ward non fosse là, per iniziare. Non avevamo il tempo di frequentarci cazzo, dovevamo andare avanti, ma mi dispiace che non abbia funzionato con Bill”

Le motivazione secondo cui Ward sia uscito dal gruppo e non abbia partecipato al tour di addio sono, come spesso accade in queste situazioni, discordanti fra di loro. Il batterista affermava che erano semplici contrasti in merito al contratto che la band doveva fimare (anche se Ward non ha specificato di che contratto si tratti), il frontman dei Black Sabbath invece ha detto che che le condizioni fisiche del batterista non erano in grado di sopportare lo stress dei tour e del lavoro in studio.

C’è ancora una possibiltà di reunion dei Black Sabbath

Non è però esclusa la possibilità che la band possa tornare dal vivo insieme a Bill ha detto Ozzy. Anzi il cantante ha affermato che sarebbe davvero una bella oportunità per riallacciare i rapporti.

“Tommy ha lavorato in modo fantastico ma abbiamo iniziato noi quattro e avremmo dovuto essere noi quattro a finire. Quei concerti conclusivi a Birmingham sono stati dolce-amari perché pensi a quanto siamo arrivati lontani e quanto abbiamo fatto e sarebbe stato giusto condividere questo insieme. Forse un giorno ci sarà un ultimo concerto, non lo so”.

Nel frattempo per il piacere dei fan, il principe delle tenebre tornerà a trovarci in Italia per riprendere il ”No More Tours 2” e si esibirà all’Unipol Arena di Bologna il 10 marzo 2020, accompagnato dai Judas Priest come headliner.

 

Share

Matteo Natalìa, 19 anni, mi divido principalmente tra la passione per la musica, in particolare suonare la batteria e scrivere. Esperto articolista di musica grunge e hippie. (matteo.natalia@libero.it)