Bob Dylan, il giorno in cui il cantante divenne una rockstar mondiale

Bob Dylan è una figura talmente iconica nel panorama della musica mondiale che è abbastanza difficile dire quando sia passato da persona qualunque a leggenda. O meglio, quando sia passato da essere Robert Zimmerman a Bob Dylan. Ma – facendo un tentativo e riportando indietro il tempo – si può ritrovare quel momento nel Febbraio del 1962. In quel periodo, Robert venne invitato in uno show radio di New York per giovani talenti.

BOB DYLAN, LO SHOW RADIO DEL 1962 A NEW YORK

Il programma radio in questione si chiamava Folksinger’s Choice e ospitava sempre talenti musicali e artisti dei più disparati generi. Uno di loro – un tipo ombroso e misterioso – si presentò come Bob Dylan. Un’apparizione la sua – che precedette solo di poche settimane – il suo LP di debutto.

Dylan – che all’epoca aveva solo venti anni – venne accompagnato nella sua esibizione dal ben più navigata Cynthia Gooding, cantante e conduttrice. I due in effetti si erano conosciuti un paio di anni prima di quello show radio. Le comuni radici in Minnesota li avevano fatti incontrare a Minneapolis, nel 1959.

COSA FACEVA BOB DYLAN PRIMA DI DIVENTARE FAMOSO?

Introdotto durante lo show radio a New York, Bob Dylan si è trovato a raccontare la sua vita prima di quel momento. Il giovane cantautore ha rivelato di aver lavorato per un circo itinerante – a periodo alterni – per circa sei anni. La Gooding gli ha domandato allora come avesse fatto a giostrare il lavoro con la scuola. “Beh – ha iniziato a dire Dylan – ho saltato un paio di cose, e non sono andato a scuola per un paio di anni e ho tralasciato questo e quello”.

L’INTERVISTA DI BOB DYLAN PER CYNTHIA GOODING

Dopo aver lavorato per anni per un circo itinerante, Bob Dylan si trasferisce a Minneapolis. “Il posto più vicino per trovare il fiume Mississippi”. Durante l’intervista con Cynthia Gooding – già sua vecchia conoscenza – il giovane cantante si dimostra un abile e ironico conversatore. Ma, dopo aver concluso il racconto sulla propria vita prima di quel momento, inizia a fare ciò per cui quel giorno è passato alla storia. Cantare.

Bob Dylan si esibisce in undici canzoni. Il ragazzo sceglie alcuni classici della musica folk e blue americana, con l’aggiunta di qualche pezzo scritto da lui. All’epoca dei giovani cantautori blues e dei poeti della beat generation, l’America scoprì uno dei suoi talenti più brillanti. Un talento che poi si sarebbe esteso oltre-oceano, conquistando l’intero pianeta. A vent’anni Bob Dylan era già pronto per diventare una rockstar.

LE CANZONI CANTANTE DA BOB DYLAN NELLO SHOW RADIO DEL 1962

Bob Dylan di esibisce dunque in undici pezzi – presi sia dal sostrato folk e blues americano, sia dal suo personale repertorio.

  • (I Heard That) Lonesome Whistle – Hank Williams, Jimmie David
  • Fixin’ To Die – Bukka White
  • Smokestack Lightning – Howlin’ Wolf
  • Hard Travelin’ – Woody Guthrie
  • The Death of Emmett Till – Bob Dylan
  • Standing on the Highway – Bob Dylan
  • Roll on John – Rufus Crisp
  • Stealin – traditional
  • It Makes a Long Time Man Feel Bad – traditional
  • Baby, Please Don’ Go – Big Joe Williams
  • Hard Times in New York Town – Bob Dylan
Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.