gtag('config', 'UA-102787715-1');

Tanti auguri a Brian Jones e ai suoi Rolling Stones: oggi avrebbe compiuto 77 anni.

Il 28 Febbraio del 1942 a Cheltenham, in Inghilterra, vide la luce Lewis Brian Hopkin Jones, futuro fondatore e leader originario dei Rolling Stones. Musicista eclettico, polistrumentista, artista innovativo e avanguardista e amante del blues e del rock.

Brian Jones dalla fondazione dei Rolling Stones all’allontanamento

Brian Jones è stato il vero fondatore e leader originario della rock band dei Rolling Stones. Diede vita al gruppo nel 1962 e, assieme al compagno Keith Richards, sviluppò uno stile musicale unico. Richards lo definì poi “l’antica arte della tessitura” perché entrambi i chitarristi suonano parti ritmiche e assoli insieme. Lo stile divenne un marchio distintivo dei Rolling Stones.

Dopo aver dato vita e nome al gruppo, Brian Jones si perse e finì sullo sfondo della sua stessa creazione. Keith Richards e Mick Jagger, scoprirono in quel periodo una grande affinità nella scrittura e nella composizione dei pezzi e presero il controllo dei Rolling Stones. Jones venne messo da parte, ebbe problemi con l’allora manager Andrew Loog Oldham e cadde vittima dell’alcol e della droga.

La sua presenza in studio di registrazione divenne volatile e la sua imprevedibilità nota. Nel 1969, gli altri membri della band gli chiesero di lasciare il gruppo. Brian Jones morì a distanza di un mese, dopo essere annegato nella sua piscina, sotto gli effetti di sostanze stupefacenti.

Il bassista dei Rolling Stones, Bill Wyman in seguito disse: “Ha formato la band. Ha scelto i musicisti. Ha dato un nome al gruppo. Ha composto la musica. Ci ha dato dei pezzi…era davvero influente, davvero importate, e poi lentamente ha perso tutto…come se lo avesse sprecato e buttato via”.

Perché Brian Jones fu così importante per i Rolling Stones?

Sarebbe riduttivo definire Brian Jones solo come il fondatore dei Rolling Stones, senza aggiungere che ne influenzò il sound originario e mise la sua firma su moltissimi brani. Jones è stato un artista innovativo, un polistrumentista di talento e un musicista lungimirante, che ha dato vita ad una delle rock band più importanti del panorama musicale.

Il suo stile musicale e il suo amore per il blues, sono in effetti le vere radici dei Rolling Stones delle origini. Il suo talento si estendeva ben oltre la composizione e si può apprezzare in moltissimi brani della band. Tra i tanti, suona il sitar in Street Fighting Man, l’organo in Let’s Spend the Night Together, Il sassofono e l’oboe in Dandelion, l’armonica in Not Fade Away.

Il suo progressivo allontanamento dalla direzione e dal sound dei Rolling Stones inizia nel 1967. Brian Jones si sente sempre più isolato e estraneo alle scelte musicali degli altri membri. Nel 1969 lascia la band che egli stesso aveva formato e a cui aveva contribuito con i suoi, indiscussi, molteplici talenti. Il 3 Luglio del 1969, a soli 27 anni, il suo corpo viene ritrovato nella piscina della sua nuova casa, nel Sussex.

Brian Jones aveva 27 anni e fu il primo esponente del mondo rock ad entrare nel Club 27, seguito poi da Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison.

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.