gtag('config', 'UA-102787715-1');

Cosa pensava David Bowie di John Lennon (VIDEO)

Quando si tratta di parlare di collaborazioni tra grandi star siamo sempre entusiasti. È bello sapere come si trovano due artisti a lavorare insieme ed anche cosa pensano l’uno dell’altro. Oggi dobbiamo avvicinare due pilastri della musica rock e non solo: John Lennon e David Bowie. Quest’ultimo fu intervistato nel 1995 ed ha parlato a proposito, tra le altre cose, della sua collaborazione con John Lennon. Il Beatle scrisse per il Duca Bianco il brano Fame. Durante la registrazione Bowie fece anche una cover di una canzone dei Beatles, Across the universe. In realtà la loro non fu solamente una collaborazione artistica, che culmina con la bellissima canzone, ma anche una grande amicizia.

L’amicizia tra David Bowie e John Lennon

Cosa mi dici riguardo alla collaborazione con John Lennon? Come è avvenuta? Questa è la domanda a cui Bowie è chiamato a rispondere. Il Duca Bianco mostra di apprezzare moltissimo John Lennon, sia come musicista, ma soprattutto come persona. Un uomo onesto, divertente, con grande senso dell’umorismo:

Sai, è davvero difficile ricordare quando ho conosciuto John Lennon precisamente. Doveva essere da qualche parte nel mezzo del ’74, credo, sicuramente c’è un libro che possa dirmelo. Ma noi tipo abbiamo cominciato ad andare in giro insieme e lui… Io penso che a quel tempo mi diede quella che ritengo una delle più belle perle che ripeto un sacco di volte. Quando gli ho chiesto cosa pensava quando io facevo glam rock, lui mi disse:”Fantastico, ma è solo rock and roll con del rossetto sopra” ed io ero impressionato come lo ero praticamente da tutto ciò che diceva. Lui era probabilmente uno dei più brillanti, più veloci, uomini onestamente socialisti che io abbia mai conosciuto nella mia vita. Socialista nella definizione vera, non in un fittizio senso politico. Ma un reale umanistica e dispettoso sense of humor che certo essendo inglese io adoravo. Io pensavo che saremmo stati amici per sempre e che sarebbe andata sempre meglio e, tutto ciò che già sai, la fantasia.

L’importanza dei Beatles

Il Duca Bianco, come ben sappiamo, era inglese e quindi al di là della sua grande amicizia con John Lennon, non poteva non apprezzare in generale l’impatto che il gruppo musicale ha avuto sulla storia inglese. Come tutti, anche lui aveva il suo Beatle preferito, che possiamo intuire fosse John Lennon, ma la band in sé ebbe una grandissima importanza per tutta la storia in particolare dell’Inghilterra. Quindi spiega:

Tutti hanno il loro Beatle preferito. Non avevo mai davvero realizzato questo. L’ho sempre saputo, ma uno non lo dichiarerebbe nei primi anni ’70 perché sarebbe stato poco d’effetto per dire che effettivamente ti piacevano i Beatles in ogni forma o modo. Ma loro hanno avuto un grande impatto. Hanno dato agli inglesi l’illusione che contavano di nuovo qualcosa. Sai, noi amiamo sentir dire questo.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.