gtag('config', 'UA-102787715-1');

De André, quella volta che tradusse in napoletano e abruzzese Bob Dylan

Fabrizio De André e Bob Dylan sono indubbiamente due cantautori di un certo spessore. Sono state proprio le loro parole infatti a renderli così famosi e riconosciuti. Bob Dylan in ambito musicale è attivo da circa sessant’anni, anni in cui è riuscito a dedicarsi alla scrittura, alla poesia e anche alla pittura; un artista dunque, a tutto tondo. De André, da canto suo, ha lasciato un’impronta indelebile nel cantautorato italiano. La sua lunga collaborazione con la PFM ci ha dato veramente tanto e fra questo materiale c’è anche una canzone “Avventura a Durango“, che in realtà è una traduzione di una precedente stesura di Bob Dylan. Ecco come De André “traduce” Bob Dylan.

Romance In Durango di Bob Dylan

Romance In Durango” è la settima traccia dell’album Desire di Bob Dylan. Questo fu uno dei suoi dischi più famosi ed è stato pubblicato il 5 gennaio del 1976. Tutti i testi contenuti all’interno dell’album furono scritti in collaborazione, eccetto uno, troppo personale per essere condiviso. Vinse due dischi di platino e raggiunse posizioni molto alte sia in America che in Inghilterra, senza contare agli altri paesi. “Romance in Durango” si apre con un verso che fa riferimento a dei peperoncini, scelta alquanto curiosa, che deriva da una cartolina  dove appunto era raffigurati dei peperoncini rossi. Tutta la narrazione verte sulla fuga d’amore di due fidanzati, Magdalena e Ramon, verso Durango, uno stato federale in Messico.

Il riadattamento che De André ha fatto di Bob Dylan

Faber, lo sappiamo, ha sempre saputo distinguersi. Inserì questa traccia nell’album Rimini e cercò di avanzare con una traduzione che non rovinasse completamente l’assetto del testo e che, allo stesso tempo, mantenesse le prerogative principali. I nomi dei due fidanzati infatti, non vengono modificati, solo leggermente italianizzati. Ramon e Maddalena rimangono dunque, in viaggio verso Durango. Nemmeno il verso iniziale viene cambiato, infatti la canzone recita in apertura Peperoncini rossi nel sole cocente”praticamente identico all’originale. Quello che più caratterizza la versione di De André però sono i riadattamenti dialettali. Per mantenere una certa musicalità e far procedere in maniera ordinata l’apparato di rime alcune strofe sono state cambiate e riadattate. Parte di queste sono state rese in napoletano e un dialetto che risulta essere molto vicino a quello abruzzese.

Da “Romance In Durango” a “Avventura a Durango”, cosa cambia?

Come già detto De André sembra voler mantenere – nella maniera migliore possibile – le tappe del disegno di Bob Dylan. Cambia però, qualche piccola caso, anche per una necessità ritmica. Innanzitutto anche la versione di Bob Dylan presentava qualche diversivo a livello linguistico, che De André sia stato ispirato da questo? Parte del testo di Dylan infatti è scritto in uno strano miscuglio fra l’inglese e lo spagnolo, motivo per cui si dice che questa parte sia inventata, anche se molto vicina al reale. Per il resto, De André mantiene personaggi, ambienti e dinamiche. 

Share

Maria Geraci, 1999. Laureata in lettere moderne e studentessa magistrale di letteratura, filologia e linguistica italiana. Appassionata di rock, grunge e cantautorato. Ferrata nella stesura di articoli e aspirante scrittrice. (mariageraci9@icloud.com)