gtag('config', 'UA-102787715-1');

Freddie Mercury, la storia di come tutto iniziò

I Queen hanno goduto di grande fama per tutta la loro carriera musicale. Anche oggi, nonostante siano passati molti anni dalla loro formazione, sono conosciuti ai più, anche per merito del biopic Bohemian Rhapsody del 2018, che ha rinvigorito la loro fama anche tra i più giovani. Anche Freddie Mercury, pur essendo scomparso nel 1991 dopo una lunga malattia, è rimasto nel cuore dei suoi fan ed è noto a tutti come un simbolo indiscusso nel mondo della musica. Il suo inizio di carriera, poco prima dei Queen, è stato molto difficile.

La carriera di Freddie Mercury prima dei Queen

Mentre Roger Taylor e Brian May già collaboravano, esibendosi in alcuni alcuni, Mercury stava percorrendo un percorso parallelo. I tre si conobbero per caso, stringendo una buona amicizia. Freddie arrivò anche a vivere nella stessa casa di Taylor, lavorando insieme in una botique di abbigliamento. Il cantante seguì anche la band di May e Taylor, aiutandoli a perfezionare le loro esibizioni.

I Wreckage, band di Mercury, nel frattempo non godeva di successi da diverso tempo. Così, nel 1970, il cantante si ritrovò in un’altra band chiamata Sour Milk Sea, ma non durò a lungo. Quasi in contemporanea gli Smile, gruppo di May e Taylor, venne scaricato dall’etichetta discografica. La forte delusione proiettò nelle menti dei suoi membri la possibilità futura di abbandonare il mondo della musica. Senza sapere chi propose per primo la cosa – ci sono diverse leggende sull’accaduto- Brian May, Roger Taylor e Freddie Mercury si ritrovarono a suonare nello stesso gruppo, creando insieme nuovi progetti.

I primi anni con la nuova band

Dopo aver formato la band, e averla nominata Queen per decisione di Freddie, il trio assunse John Deacon, quello che poi sarebbe diventato lo storico bassista della formazione originale. I Queen non ebbero una facile scalata al successo, anzi, la loro carriera fu piena di ostacoli. Ci vollero diversi anni prima di vederli brillare sui palcoscenici mondiali.

Brani come Killer Queen, Bohemian Rhapsody e We are the Champions, sono diventati pilastri nella cultura pop. I Queen riuscirono a raggiungere la vetta del mondo, con un successo planetario che coinvolse tutti i continenti, suonando in tutti i più grandi stadi e conquistando migliaia di fan. L’unico arresto per la band, è stata la tragica scomparsa di Mercury, che morì a causa delle complicazioni dell’AIDS. I restanti componenti presero molto tempo prima di decidere se continuare o meno la dinastia dei Queen. Freddie ha lasciato un grande ricordo di sé, vivendo un’esistenza intensa che nessuno scorderà facilmente.

Share

Studente universitario, appassionato di sport, cinema, scrittura e rock. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.