gtag('config', 'UA-102787715-1');

Cosa è successo davvero quando Freddie Mercury ha detto a Mary Austin di essere bisessuale

Freddie Mercury ebbe due grandi amori nella sua vita. La prima Mary Austin – la donna con la quale, anche dopo la fine della storia – rimase amico fino alla morte. Il secondo Jim Hutton, l’ultimo compagno di vita del cantante dei Queen, presente al suo capezzale quel 24 Novembre 1991. Prima di rivelare al mondo il segreto sulla propria sessualità, Mercury ebbe una relazione amorosa con la Austin per ben sei anni. Descritta sempre come il grande amore della sua vita, il loro rapporto rimase solido e profondo fino alla fine. Ma cosa successe quando Freddie Mercury si aprì per la prima volta con Mary Austin, confessandole la propria bisessualità?

CHE FINE HA FATTO JIM HUTTON

Jim Hutton era un parrucchiere irlandese con il quale Freddie Mercury ebbe una relazione di sei anni. I due rimasero legati fino alla morte del cantante, il 24 Novembre 1991, a causa di alcune complicanze dovute all’AIDS. Lo stesso Hutton aveva scoperto – appena un anno prima – di essere sieropositivo. Ma aspettò il 1991 per confidarlo al compagno. Essendosi conosciuti e innamorati in un periodo in cui i matrimoni tra persone dello stesso sesso non erano consentiti, Jim e Freddie non si sposarono mai. Eppure entrambi indossavano una fede nuziale.

Poco cose si seppero della relazione tra il parrucchiere e il cantante dei Queen. Come coppia si esponevano poco al clamore mediatico e non parlavano con la stampa. Dopo la morte di Freddie Mercury, Jim Hutton pubblicò un libro dal titolo Mercury e Me. Un resoconto intimo ed emozionante sulla relazione con il frontman britannico, con racconti inediti e scatti mai pubblicati prima. Nonostante il grande amore che li unì fino alla fine, Mercury lasciò al compagno una “modesta” eredità e un terreno a Rutland Terrace, a Carlow. Tutto il resto andò a Mary Austin. Jim Hutton è morto – stroncato da un cancro ai polmoni – il 1 gennaio 2010.

MARY AUSTIN, IERI E OGGI

Mary Austin è stata la donna più importante nella vita di Freddie Mercury. Anche dopo la rivelazione della sua bisessualità, Mercury l’ha sempre definita come il suo primo, vero amore. I due si conobbero quando la ragazza aveva solo 19 anni, nella boutique in cui lavorava. Da quel momento divennero inseparabili. Rimasero insieme per anni, prima che il cantante dei Queen le confessasse di essere bisessuale. Nonostante questo il legame che li univa si confermò più forte di qualsiasi cosa.

“La storia d’amore tra me e Mary Austin è finita in lacrime, ma ne è nato uno stretto legame, e si tratta di qualcosa che nessuno può portarci via – dirà Freddie Mercuryè fuori portata. […] La sola amica che ho è Mary e non ne voglio altre. Potrei avere tutti i problemi del mondo, ma avrei Mary e questo me li farebbe superare”. Parole – piene di amore e ammirazione – che rispecchiano il legame unico tra Mercury e la Austin. Per quanto mi riguarda è come se fosse mia moglie. Secondo la legge davvero, è come se fosse un matrimonio”.

LA RIVELAZIONE

“Saresti stata mia moglie e sarebbe stata comunque tua” torna a scrivere Freddie Mercury nel suo testamento, quando decide di lasciare la sua casa di Londra a Mary Austin. La donna è stata la persona più importante della sua vita, l’unica della quale si sia perdutamente innamorato. Eppure – quando arriva a confessarle la propria bisessualità – la vita della donna subisce uno scossone destabilizzante. Nel 2000 – in un’inedita intervista per OK Magazine – la Austin rivelò cosa successe veramente tra lei e Mercury dopo la rivelazione di lui. “Sentivo che qualcosa non andava – disse – anche se non sapevo cosa fosse decisi di parlarne con Freddie”.

Mary continua a raccontare di come la loro relazione fosse diventata fredda e scostante – poco prima che i Queen raggiungessero il successo e la consacrazione definitiva. “Quando tornavo a casa lui non c’era mai – rivelò la Austin[…] mi ci è voluto un pò per accettare la verità ma lui era felice di avermi detto di essere bisessuale”. Dopo la rivelazione la Austin decise di trasferirsi dalla casa che condivideva con Mercury, ma il cantante dei Queen le fece promettere che non sarebbe andata troppo lontano. “Trovai un posto vicino […] era perfetto per una persona sola. La casa di produzione dei Queen lo comprò per me a 30.000 sterline”.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.