gtag('config', 'UA-102787715-1');

Greta Van Fleet, anche la band americana devolve fondi per il Coronavirus

Il preoccupante dilagare della pandemia da Covid-19 ha messo il mondo di fronte a delle priorità impellenti. Aiuti per i meno abbienti, fondi e donazioni per gli ospedali, sostegno e messaggi di ottimismo per i milioni di cittadini costretti in casa per rallentare i contagi. Le rockstar e i volti noti del mondo della musica non si sono fatte trovare impreparate, tra video sui canali social e donazioni da capogiro. Gli ultimi, in ordine di tempo, i chiacchieratissimi Greta Van Fleet. Scopriamo il grande gesto di solidarietà della band dei fratelli Kiszka.

CORONAVIRUS, LE ROCKSTAR E GLI AIUTI PER COMBATTERE L’EMERGENZA SANITARIA

I Greta Van Fleet non sono gli unici – che in questo grave momento di crisi sanitaria – hanno deciso di farsi avanti per aiutare la popolazione e chiunque soffra per la pandemia da Coronavirus. Già negli scorsi giorni, gli U2 – capitanati da Bono Vox – avevano deciso di devolvere una cifra da capogiro per il sistema ospedaliero irlandese. Si parla di numeri che si aggirano intorno ai 10 milioni di euro, da utilizzare per comprare mascherine e strumenti di protezione per il personale ospedaliero.

Bono Vox inoltre, nello sforzo di far sentire la propria vicinanza a chiunque soffrisse per questa terribile situazione, ha dedicato una canzone all’Italia. Uno dei paesi più colpiti dal Coronavirus. Dall’altra parte dell’oceano, John Bon Jovi – proprietario di due famosi ristoranti – ha deciso di tenere aperte le attività di distribuzione, per portare cibo ai poveri e alle persone meno fortunate.

GRETA VAN FLEET, LE DONAZIONI DEI FRATELLI KISZKA DURANTE IL CORONAVIRUS

Anche i Greta Van Fleet si sono aggiunti alla lunga lista di rockstar e volti noti del mondo della musica, che hanno deciso di fare la loro parte nella lotta al Coronavirus. La band statunitense, ha infatti deciso di devolvere del denaro a cinque diverse organizzazioni – che operano sia a livello locale che globale. La prima donazione è stata effettuata il 6 Aprile 2020, in favore della MusiCares, associazione in sostegno della comunità di artisti.

Il giorno successivo i fratelli Kiszka e soci, hanno devoluto il denaro alla Heart to Heart International – ente in prima linea, che distribuisce bene di prima necessità ai più poveri in tutto il mondo. Mercoledì 8 Aprile 2020 è stata la volta della Feeding America, indirizzata al benessere dei bambini che – in questo periodo di crisi – non possono consumare il pasto a scuola. Il 9 Aprile i Greta Van Fleet hanno indirizzato le donazioni alla East Room di Nashville, spazio dedicato ai concerti e all’Arte – settori fortemente debilitati dalla pandemia. E infine, il 10 Aprile 2020 è toccato alla Michigan Food Bank Council.

GRETA VAN FLEET, LE PAROLE DELLA BAND RIGUARDO LE DONAZIONI

“L’obiettivo è quello di fornire il cibo necessario alle persone del nostro Stato d’origine. – hanno commentato i Greta Van Fleet su Twitter, a proposito della donazione alla Michigan Food BankGrazie per permetterci di aiutare i nostri connazionali colpiti dalla pandemia. E’ importante sostenerli in tutti i modi possibili”.

Il Dottor Philip Knight, direttore esecutivo dell’ente in questione, ha spiegato come saranno utilizzati i preziosi fondi devoluti dalla band dei fratelli Kiszka: “Stiamo per lanciare il programma Quarantine Box – ha detto ai microfoni di Loudwireche ha lo scopo di aiutare i cittadini anziani […] durante questa crisi”.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.