gtag('config', 'UA-102787715-1');

I concept album più importanti della storia della musica

La storia del rock è fatta di alcune testimonianze celebri, e diventate dei veri e propri emblemi, rappresentate dai concept album. Non prendiamoci in giro: se realizzare un disco compatto e ben riuscito è difficile, lavorare su un concept album lo è ancor di più. Raccontare una storia, uniformarla in musica e creare un prodotto coerente e straordinario: tutto ciò è un concept album. Vogliamo indicarvi quali sono più importanti della storia della musica.

Sgt. Pepper’s Lonely Heart Club Band dei Beatles

Primo tra i concept album che inseriamo in questa lista è, senza dubbio, Sgt. Pepper’s Lonely Heart Club Band dei Beatles: disco che, più di ogni altro, ha alimentato la leggenda del Paul Is Dead?, è sicuramente un prodotto leggendario che ha fatto la storia a partire dal 1969.

I Beatles furono tra i principali interpreti di un desiderio di libertà ed espressione artistica che fu a pieno incarnato dal ’68 e dal movimento hippie. Con quest’album non si può certo non considerare la grande importanza anche politica e sociale che i Beatles ebbero. 

The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd

Non ha bisogno di troppe presentazioni: The Dark Side of the Moon è uno dei concept album migliori della storia, il capolavoro in assoluto dei Pink Floyd e un disco che ha saputo raccogliere così tanti successi che elencarli tutti sarebbe impossibile.

Nulla di immeritato, sia chiaro: nel disco tutti i temi più disparati vengono resi nel migliore dei modi, dalle malattie mentali alla cupidigia, passando per l’esistenzialismo vero e proprio che domina all’interno di tutte le tracce.

Tommy dei The Who

Nuovo salto al 1969, attraverso Tommy dei The Who che ha sicuramente ridefinito la storia della musica in modo migliore e irreversibile. Tommy è un personaggio dalle mille sfumature, che a causa di uno shock decide di chiudersi in se stesso e di diventare mago di flipper prima, predicatore di una nuova religione poi.

Insomma, i Who non sono certamente sconosciuti nella storia della musica e gli effetti di quest’album, anche in senso stretto cinematografico (dall’album fu tratto un film nel 1975), furono incredibili.

The Lamb Lies Down on Broadway dei Genesis

I Genesis sono stati, per lungo tempo, i migliori nel creare un tipo di musica che sapesse fondersi con la letteratura, creando un connubio perfetto e di grande successo.

Con il concept album The Lamb Lies Down on Broadway si sono certamente superati: la storia parla di Rael che, andando alla ricerca di suo fratello John, percorre una New York piena di creature mitologiche e mostri fantastici; un espediente che anche in letteratura avrebbe avuto grande successo ma che in musica ha fatto la storia.

The Wall dei Pink Floyd

Ancora Pink Floyd, dal momento che escludere The Wall da questa lista è praticamente impossibile. La storia è conosciuta a tutti: Pink, il protagonista, si chiude costantemente all’interno del suo mondo, costruendo un muro intorno a sè. E’ la metafora di una realtà che Roger Waters e compagni hanno interpretato nel migliore dei modi.

Fu l’album della (nuova) consacrazione dei Pink Floyd ma anche l’album in cui la scissione iniziò a diventare sempre più marcata.

The Rise and the Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars di David Bowie

The Rise and the Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars non è soltanto un concept album, è la bibbia del glam rock, firmata David Bowie. L’album, che parla dell’iconico protagonista che entra in contatto con le forze di un’altra dimensione e diventa, poi, Messia sulla Terra è il punto d’inizio di una grande epopea artistica e musicale che caratterizzerà il Duca Bianco nella sua carriera.

Thick as a Brick dei Jethro Tull

La storia nella storia, il disco dei dischi composto – tecnicamente – da una sola canzone lunga oltre 43 minuti. Thick ad a Brick dei Jethro Tull è l’emblema dei concept album, che ha consacrato definitivamente la band di Ian Anderson, proiettandola nell’Olimpo del progressive rock.

I Jethro Tull proveranno, poi, a ripetersi con A Passion Play, ma il successo e l’importanza di Thick as a Brick rimarranno pressoché unici.

Storia di un impiegato di Fabrizio De Andrè

Ultimo tra i concept album che hanno sicuramente influenzato la storia della musica è Storia di un impiegato di Fabrizio De Andrè. Album importantissimo, pubblicato in un momento storico ancor più importante e dominato da quei “cuccioli del maggio” di cui lo stesso Faber canta.

E’ un album sovversivo, di protesta, ma non di una semplice ribellione che passa attraverso il rifiuto del sistema: l’anarchia che ha sempre caratterizzato il cantautore genovese è più che mai presente in quest’album.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.