gtag('config', 'UA-102787715-1');

Janis Joplin, la storia dell’eclatante rifiuto a Jim Morrison

Janis Joplin è ormai parte integrante della cultura e dell’immaginario comune come una vera e propria icona. Non solo una cantante eccezionale e di successo ma anche una figura magnetica e misteriosa. Nonostante una bellezza anticonvenzionale – che le fece vivere un’adolescenza piuttosto tormentata – la Joplin di fatto è stata una delle donne più desiderate nella storia della musica. Così tanto che, le sue relazioni con artisti e musicisti famosi sono universalmente note. Come anche i suoi eclatanti rifiuti. In questo articolo ripercorriamo il momento in cui Janis Joplin disse “no” a Jim Morrison.

JIM MORRISON, LA STORIA CON JANIS JOPLIN NELLA SUA BIOGRAFIA

L’incontro-scontro tra Jim Morrison e Janis Joplin è ampiamente trattato nella biografia del primo – Break on Through: The Life and Death of Jim Morrison. L’iconico cantante dei Doors – all’apice del successo quasi parallelamente alla Joplin – condivise con lei un momento decisamente eccezionale. L’incontro venne organizzato dal produttore discografico Paul Rotchild.

“Ho pensato, sono il Re e la Regina del rock ‘n’ roll. Devono incontrarsi. Per cui ho dato loro appuntamento ad un party ad Hidden Hills – si legge nella biografia di Morrison – si sono presentati entrambi sobri, e hanno cominciato subito ad andare d’accordo. Jim era affascinato da questa strepitosa ragazza, e ovviamente anche Janis era rimasta colpita dall’innegabile fascino di Morrison”. 

L’INCONTRO STORICO TRA IL RE E LA REGINA DEL ROCK ‘N’ ROLL

Un incontro che – limitatamente al mondo della musica – ha dello straordinario. Due delle personalità più iconiche e di talento della storia che si incontrano. E forse – in altre circostanze – le cose sarebbero potute andare diversamente. Ma cosa andò storto? Sebbene Paul Rotchild riporti che sia Jim Morrison che Janis Joplin si presentarono sobri, ben presto il cantante dei Doors iniziò a bere pesantemente.

“Cominciò a bere e il suo atteggiamento divenne rude, maleducato, quasi violento – si legge ancora nella sua biografia – improvvisamente cominciò a comportarsi come un cretino, un “disgustoso” ubriaco. E Janis, che era una “affascinante” ubriaca, si stancò ben presto di lui. Più Janis lo rifiutava, più Jim ci provava”.

JANIS JOPLIN, IL DUE DI PICCHE AL CANTANTE DEI DOORS

Paul Rotchild – produttore discografico che lavorò sia con la Joplin che con Morrison – ricorda di essere stato trascinato letteralmente via dalla cantante. Janis voleva allontanarsi a tutti i costi dal frontman dei Doors. “Jim non era intenzionato ad accettare un no come risposta, così quando Janis salì in macchina lui la afferrò per i capelli – continua il racconto – Beh, lei prese dal sedile di fianco una bottiglia di Southern Comfort, uscì furibonda dall’auto e gliela ruppe in testa”.

Un finale da film. Ma la vera ciliegina sulla torta, che cancellò definitivamente qualsiasi speranza per Janis Joplin e Jim Morrison, fu la frase che la donna urlò mentre se ne andava. Sembra che, risalita in macchina la cantante abbia detto, in direzione del Re Lucertola: “Sai cosa ti dico? La musica dei Doors mi ha sempre fatto schifo!”.  Il giorno dopo – apparentemente – Morrison chiese addirittura di avere il numero della Joplin, tanto era rimasto colpito da lei.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.