Jeff Beck: cinque curiosità su uno dei chitarristi più importanti di sempre

Jeff Beck è uno dei chitarristi più importanti e influenti della musica rock. Ha suonato con molti big della chitarra tra cui Eric Clapton e Jimmy Page. La rivista Rolling Stone lo ha inserito al quinto posto nella lista dei 100 migliori chitarristi, e nel 2009 è stato inserito nella Rock and Roll Hall of Fame. Ecco 5 curiosità che (forse) non sapevate su Jeff Beck.

Suona prevalentemente con le dita

Si, diversamente dalla maggior parte dei chitarristi che usano il plettro per suonare la chitarra elettrica, Jeff Beck suona con le dita. Una tecnica che ha i suoi vantaggi e svantaggi. Principalmente si tratta di un fattore di comodità. Ma non è l’unico a suonare in questo modo. Un altro virtuoso della chitarra che suona senza plettro è Robby Krieger, leggendario chitarrista dei Doors.

Le innumerevoli collaborazioni

Che i musicisti collaborino fra di loro non è certo una novità, ma Jeff Beck ha davvero tante collaborazioni alle spalle fra cui si posso contare nomi di Roger Waters dei Pink Floyd, Brian May dei Queen, Carlos Santana, Jon Bon Jovi e Cyndi Lauper e tanti altri.

Dal 1969 segue una dieta vegetariana.

Probabilmente nessuno l’avrebbe mai detto ma Jeff Beck mangia vegetariano da ben 50 anni. Forse un modo semplice e salutare per contrastare, almeno in breve termine, la vita fatta di eccessi. Non è l’unico comunque ad aver fatto questa scelta. Per esempio il cantante dei Red Hot Chili Peppers Antonhy Kiedes è addirittura vegano.

La storica chitarra di Jeff Beck è una Stratocaster

Scuramente se si pensa a Jeff Beck viene automaticamente in mente la Fender stratocaster. E’ la chitarra che Beck ha usato di più nella sua carriera ma non è certo l’unica. In studio e in live ha avuto modo di usare anche la Les Paul.

Ha scritto l’inno per gli Wolverhampton

Già, oltre che essere un virtuoso della chitarra Beck è anche un tifoso di calcio. Infatti è stato proprio lui a scrivere l’inno degli Wolverhampton, squadra di calcio inglese che milita in Premier League.

Share

Matteo Natalìa, 19 anni, mi divido principalmente tra la passione per la musica, in particolare suonare la batteria e scrivere. Esperto articolista di musica grunge e hippie. (matteo.natalia@libero.it)