gtag('config', 'UA-102787715-1');

Jimi Hendrix: chi suggerì al chitarrista di bruciare la chitarra al Monterey Festival?

Il mondo della musica e del rock è intriso di leggende e racconti eccezionali. Momenti che, non solo hanno segnato capitoli importantissimi del genere, ma sono diventate delle vere e proprie icone nella mente del pubblico e dei fan. Uno su tutti, l’attimo in cui – durante il Monterey Pop FestivalJimi Hendrix diede fuoco alla propria chitarra, in preda ad una sorta di delirio mistico. Quello che forse tutti non sanno è che fu di un altro l’idea e che la suggerì, forse scherzando, al manager del chitarrista.

JIMI HENDRIX, IL GESTO ICONICO DURANTE IL MONTEREY POP FESTIVAL

Torniamo indietro al 1967, anno dell’iconico Monterey Pop Festival. Quell’evento musicale segnerà il primo, forte, segnale di scardinamento delle idee fino a quel momento vigenti e l’inizio della rivoluzione hippie. Difatti, di lì a soli due anni, si terrà il leggendario Woodstock. Tre giorni di pace, amore e musica. Jimi Hendrix partecipa ad entrambi, ma è durante il Monterey Festival che fa un gesto destinato a fare storia.

Il chitarrista ha appena finito l’esecuzione di Wild Thing quando, come in preda ad un delirio mistico, appoggia la sua chitarra a terra e gli dà fuoco. Un gesto forte e per certi versi controverso, che segna il primo passo verso la Summer of Love che avrebbe preso piede di lì a poco.

IL GESTO DI JIMI HENDRIX: GENIO O FRUTTO DI UN SUGGERIMENTO?

Sebbene tutti abbiano in mente, chi più chi meno, l’iconico gesto con il quale Jimi Hendrix diede alle fiamme il suo strumento, quello che non tutti sanno è da dove gli venne quell’idea. Frutto del suo genio o suggerimento ispirato? E in effetti andando a scavare a fondo – come riportato da Rolling Stone – si scopre che il gesto fu frutto dell’intuizione geniale di Keith Altham, storico giornalista del magazine NME.

Stando alle notizie dell’epoca, sembra che Altham avesse suggerito – praticamente per scherzo – al manager di Jimi Hendrix di bruciare la chitarra sul palco del Monterey Pop Festival. Ma le sue parole – stando a quello che accadde in seguito – vennero prese decisamente sul serio.

KEITH ALTHAM, IL SUGGERIMENTO AL MANAGER DI JIMI HENDRIX

“Ero nel backstage dell’Astoria di Finsbury Park e i Jimi Hendrix Experience erano in quel tour con Engleber Humperdink e Cat Stevens. – ha raccontato il giornalista della NME, Keith AlthamChas Chandler [manager del chitarrista] si girò verso di me: “Allora cosa facciamo per avere le prime pagine questa settimana?” e io gli ho detto “Non potete continuare a spaccare chitarre come gli Who […] perché non date fuoco alla chitarra?”.

Keith Altham dunque, fornisce – inavvertitamente – al manager di Jimi Hendrix l’idea destinata a cambiare per sempre una certa estetica del rock. Difatti, dopo le sue parole, Chas Chandler aveva chiesto al suo assistente di produzione di andare a comprare del combustibile per accendini. Di lì a poco, Hendrix sarebbe salito sul palco del Monterey Pop Festival – nel 1967 – pronto a scrivere un capitolo vibrante e vitale della storia della musica.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.