gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles: il legame tra il White Album e John lennon

John Lennon viene ucciso da quattro colpi di pistola sparati da un certo Mark David Chapman l’8 Dicembre 1980. Sebbene i Beatles avessero visto la loro fine un decennio prima, con la morte dell’autore di Imagine se ne va qualsiasi speranza di rivederli in futuro assieme. Speranza che si sarebbe potuta rivelare – in ogni caso – infondata dati i dissidi conclamati e i forti contrasti tra i quattro Fab Four. Una su tutte la famosa disputa tra Lennon e Paul McCartney. In una delle sue più famose interviste, il marito di Yoko Ono si tolse parecchi sassolini dalla scarpa parlando di Mick Jagger, di McCartney e soprattutto svelando il suo album preferito dei Beatles.

MICK JAGGER E I ROLLING STONES IMITAVANO I BEATLES

In una delle sue ultime e più famose interviste, John Lennon lancia critiche al vetriolo nella direzione di Mick Jagger. Secondo l’ex Beatles, il frontman dei Rolling Stones è reo di aver imitato qualsiasi cosa avessero fatto i Fab Four. Lennon ritiene che la storiografia abbia tramandato un’immagine rivoluzionaria e innovativa degli Stones, quando i veri rivoluzionari furono i Beatles. “Sono sempre stato molto rispettoso nei confronti di Mick e degli Stones, ma lui ha detto un sacco di schifezze contro i Beatles” ha confessato John Lennon.

Residuo di cameratismo nei confronti dei suoi ex compagni di band o semplice animosità nei confronti di Jagger? “Mi hanno ferito le sue parole – ha continuato l’autore di Imagineperché sa io posso sconfiggere i Beatles, ma non posso permettere che lo faccia Mick Jagger”. 

l’amicizia tra John Lennon e Paul Mccartney

Le parole di John Lennon su Mick Jagger e i Rolling Stones fanno evidentemente trasparire un’antipatia che va ben oltre il rapporto professionale tra musicisti. Ma ciò che più ha toccato e influenzato la vita dell’ex Beatles è stato sicuramente il contrasto con Paul McCartney. Sebbene i sue siano partiti come le colonne portanti dell’apparato compositivo dei Fab Four, nel tempo il loro legame si è deteriorato irrimediabilmente.

Le causa da imputare a questo fallimento posso essere molte. L’ingresso del fattore droghe e sostanze stupefacenti all’interno della formazione a metà degli anni ’60. La sempre maggior indipendenza ricercata e voluta da McCartney nella composizione dei testi. Il fatidico incontro tra John Lennon e Yoko Ono nel 1966. L’emergere del talento naturale e evidente di George Harrison come autore. Tutti questi motivi e una combinazione tra gli stessi, hanno portato alla fine dei Beatles nel 1970 – e alla scelta da parte di John Lennon del suo album preferito

L’album preferito di John Lennon

Nell’intervista, John Lennon rivela anche il suo album preferito dei Beatles: il White Album. Questo lavoro discografico della band viene pubblicato nel 1968, due anni prima del loro scioglimento. Ma c’è un motivo specifico dietro questa scelta? Sicuramente il fatto che a Paul McCartney non piacesse affatto. “Paul voleva che fosse un lavoro di gruppo, il che significava di Paul. Quindi non ha mai apprezzato quel disco”. 

Dopo la frecciatina sul White Album, John Lennon svela anche l’album dei Beatles preferito dall’ex compagno Paul McCartney: Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, del 1967. “Il mito di Pepper è troppo grande, ma la musica del White Album è molto meglio”. Una metafora abbastanza chiara, no?

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.