gtag('config', 'UA-102787715-1');

Rolling Stones, l’ingegnere del suono: “Ecco cosa penso davvero di Keith Richards”

Sono sempre state moltissime le cose dette e raccontate intorno alla figura dello storico chitarrista dei Rolling Stones, Keith Richards. La sua vita dissoluta e ai limiti dell’eccesso lo ha sempre reso protagonista di aneddoti straordinari. Che sia un rocker selvaggio, che esemplifichi la perfetta incarnazione del rock ‘n’ roll, che abbia fatto party selvaggi e mai nascosto un conclamato abuso di sostanze stupefacenti. Moltissime dunque sono le cose che si associano al nome di Keith Richards, ma l’ingegnere del suono dei Rolling Stones si è spinto ancora oltre con la sua descrizione. Eddie Kramer ha infatti detto cosa pensa davvero del chitarrista.

ROLLING STONES, L’INTERVISTA DELL’INGEGNERE DEL SUONO EDDIE KRAMER

In un’intervista concessa a Gibson – e riportata da MetalHeadZone – l’ingegnere del suono dei Rolling Stones, Eddie Kramer, si è trovato a parlare della sua esperienza al soldo della band britannica. L’uomo ha raccontato a cuore aperto come fu iniziare a lavorare per una band leggendaria come quella di Mick Jagger e Keith Richards. Il nervosismo iniziale di Kramer, si trasformò ben presto in tranquillità, quando realizzò che in fin dei conti anche quelle rockstar erano degli essere umani. Tutti tranne Keith Richards, ovviamente.

EDDIE KRAMER E LE DICHIARAZIONI SU KEITH RICHARDS

Nell’intervista concessa ai microfoni di Gibson, Eddie Kramer ha svelato di essere stato molto nervoso all’idea di lavorare come ingegnere del suono per i Rolling Stones. Nella sua mente, la band britannica si ergeva a livelli leggendari, quasi quelli di semi-dei. Tuttavia, con il passare del tempo, ha capito che anche dietro quei volti iconici e quelle carriere intramontabili, vivevano degli essere umani come tutti gli altri.

Questo discorso ovviamente – stando alle parole di Kramer – vale per tutti tranne che per Keith Richards. L’ingegnere del suono ammette di credere fermamente che il chitarrista venga da un altro pianeta e che sopravvivrà a tutti gli altri uomini. Oltre a queste dichiarazioni, Eddie Kramer ha condiviso una delle tante storie che descrivono perfettamente l’aria che si respirava accanto alla band.

KEITH RICHARDS, LA STORIA SUL CHITARRISTA DEI ROLLING STONES

“Viene da un altro pianeta – esordisce Eddie Kramer a proposito di Keith Richardsvivrà più di tutto noi, che Dio lo benedica, ma esisteva una dinamica interessante, parlando delle personalità e delle donne che stavano in giro. All’epoca avevo una ragazza svedese che era amica della ragazza di Keith, ed era molto interessante, e credo che anche Bill Wyman avesse una ragazza svedese”.

Stando alle parole di Eddie Kramer – a proposito del suo lavoro come ingegnere del suono per i Rolling Stones – avvenivano molte cose curiose e particolari dietro le quinte della band britannica. Come la volta in cui sia lui che Bill Wyman che Keith Richards si ritrovarono ad avere tre fidanzate svedesi. “Uscivano anche insieme – continua a raccontare Kramer e mi ricordo di noi tre che andavamo nella stanza di controllo un giorno, e dicevamo “Wow tre bellissime ragazze svedesi, voglio dire, che forza!”. 

 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.