gtag('config', 'UA-102787715-1');

La Nasa dà a una pietra su Marte il nome dei Rolling Stones

I Rolling Stones sono uno dei gruppi rock più leggendari dell’intero universo, e oltre a tutti i premi, meritatissimi, ricevuti nel corso della loro carriera, ne hanno ricevuto uno su Marte. La NASA infatti, ha dato il nome della band britannica a una roccia che stava letteralmente rotolando (infatti Rolling Stones, in italiano significa pietre rotolanti), scovata dalla sonda spaziale InSight.

Rolling Stones: la roccia su marte che porta il loro nome

A dare il grande annuncio, la sera prima del concerto dei Rolling Stones al Rose Bowl di Pasadena, California, è stato l’attore Robert Downey Jr., che sul grande schermo in Avengers: Endgame nello spazio ci è stato nei panni di Tony Stark, AKA Ironman. Lo stadio si trova a circa cinque chilometri dal Jet Propulsion Laboratory della NASA, che conduce la missione Mars InSight.

La NASA ci ha regalato una cosa che abbiamo sempre sognato: una nostra roccia su Marte“, ha affermato con entusiasmo un emozionatissimo Mick Jagger al pubblico del Rose Bowl. “Non ci posso credere, vorrei prenderla, portarmela a casa e metterla in bella mostra sulla mensola del camino“.

Quando la sonda InSight è approdata sul pianeta rosso il 26 novembre 2018, i suoi propulsori, con il loro getto d”aria, hanno spostato la roccia di quasi un metro, rendendola letteralmente una pietra rotolante. Stando a quanto dichiarato dall’agenzia spaziale statunitense, è stato il più grande spostamento roccioso durante un atterraggio. Tuttavia, essa ha anche spiegato che Rolling Stones non è ancora un nome ufficiale, questo perché è l‘International Astronomic Union ad essere incaricata per l’assegnazione dei nomi per i posti e e gli oggetti del sistema solare, come pianeti, asteroidi ecc.
Gli scienziati della NASA danno spesso soprannomi a rocce e ad altre caratteristiche geografiche per riuscire a distinguerle. Così “anche se il nome Rolling Stones non è ancora formale, comparirà comunque sulle mappe di Marte“, ha dichiarato l’agenzia in un comunicato.
La missione InSight studia la profondità del pianeta rosso, le sue attività sismiche e la frequenza delle collisioni con gli asteroidi.
Share

Rebecca Buzzetti, classe 1996. Diplomata come creatrice d'abbigliamento da donna, studentessa di giornalismo. Da sempre appassionata di musica, in particolare rock, arte, sport (soprattutto hockey), letteratura, disegno e scrittura. Persona estremamente ironica, aspirante giornalista e scrittrice. (rebecca.buzzetti@gmail.com; Instagram: @rebiush)