gtag('config', 'UA-102787715-1');

LE 5 COSE CHE NON SAPEVI SU FREDDIE MERCURY

Dopo Bohemian Rapsody, film su Freddie Mercury e sui Queen, la band ha avuto un incredibile aumento degli ascolti mensili su Spotify. Tutti conoscono i Queen, tutti riconoscono la voce di Freddie quando la sentono ma ci sono fatti e informazioni poco conosciute e molto curiose. Oggi parleremo di 5 tra queste curiosità su Freddie Mercury, leader carismatico, d’impatto e dalla voce fuori dal normale.

FREDDIE MERCURY È UN NOME D’ARTE

Il vero nome di Freddie Mercury è in realtà Farrokh Bulsara, nato a Zanzibar e vissuto lì per i primi anni di vita. La sua famiglia era di etnia parsi, di origine indiana e di religione zoroastriana.

Farrokh prima di approdare in Inghilterra visse a Mumbai, dalla nonna.

FREDDIE MERCURY E LA PASSIONE PER I GATTI

Freddie aveva una vera e propria passione per i gatti. Ne ha avuti tantissimi, fino a 10.

La canzone Delilah (dall’album Innuendo, 1991) che molti credevano esser stata scritta per una donna, è in realtà dedicata alla sua gatta. Addirittura, quando telefonava alla sua ex fidanzata Mary Austin, se li faceva passare al telefono, se li faceva salutare e voleva sentire le loro fusa tramite la cornetta.

LA PAUSA DEI QUEEN E IL LORO RITORNO SULLE SCENE

Alla fine del 1982 i Queen decisero di comune accordo di separarsi; questo fu dovuto sia all’insoddisfazione dei fan, così come della band, della qualità del loro ultimo lavoro, nel quale non si riconoscevano, sia al deterioramento progressivo dei rapporti personali all’interno del gruppo. John Deacon definì la band come formata “da 4 persone che lavorano separatamente”.

Il 13 Luglio 1985 parteciparono però al Live Aid al Wembley Stadium. Per molti questa è la migliore interpretazione live dei Queen che dopo lo show si sentirono come rivitalizzati e di nuovo entusiasti. A farli tornare insieme definitivamente nel 1988 fu però la malattia di Freddie Mercury, che riuscì a riunire nuovamente la band per gli ultimi due album: The Miracle 1989 e Innuendo (1991).

COME FREDDIE MERCURY CONOBBE DAVID BOWIE

Under Pressure resta ancora oggi una tra le migliori canzoni dei Queen. Nata dalla collaborazione tra Bowie e Mercury nel 1981, il loro rapporto ha origini molto più profonde. Negli anni 60 il successo di Bowie era leggermente superiore: Mercury si offriva di seguirlo ovunque e addirittura una volta unì i tavoli di un locale per “creare” il palco su cui si sarebbe esibito Bowie.

Inoltre, Mercury e Roger Taylor aprirono una bancarella di vestiti vintage a Kensington Market. Un giorno David Bowie si presentò lì dicendo di non avere abbastanza soldi per comprarli nonostante il successo. Mercury allora gli porse un paio di stivali gratis.

L’AMICIZIA TRA FREDDIE MERCURY E LADY DIANA

Lady Diana è sempre stata famosa per le sue fughe da palazzo travestita, per i suoi gusti musicali sul Pop/Rock e per la sua poca ortodossia. Lady D e Freddie Mercury erano molto amici e una sera decisero di andare con altri amici in un noto bar gay famoso soprattutto per le risse.

Giacca militare, un berretto i testa e gli occhiali da aviatore: travestirono l’icona più famosa e conosciuta del mondo da modello gay molto eccentrico. Il gruppo riuscì nell’impresa e restò nel locale per circa 20 minuti, per evitare che la principessa venisse riconosciuta.

Share

Classe 2000. Studente presso la facoltà di Filosofia dell’Università Federico II di Napoli. Appassionato di filosofia, politica, letteratura e cinema. Aspirante docente universitario e giornalista. Bassista a tempo perso. La musica è la struttura del mio sistema nervoso: leitmotiv perenne. Il mio genere preferito è il Progressive ma mi ritengo (e, soprattutto, mi ritengono) un assiduo e accanito ascoltatore. Conosco tantissimo, forse fin troppo e amo scoprire nuovi artisti e nuovi generi. Amante di Tool e Dream Theater, di Red Hot Chili Peppers e Opeth, di King Crimson e Iron Maiden. Amante di Franco Battiato, Lucio Battisti, Afterhours, del buon vino e della birra. Articolista presso vari blog online e testate locali. Misantropo e Nichilista, ma ho anche dei difetti.