Linkin Park, la storia di come si è formata la band

I Linkin Park rappresentano uno dei gruppi di maggior successo degli anni 2000 contribuendo alla diffusione del nu metal (genere di spicco degli anni 2000) tuttavia con sonorità più pop e orecchiabili.

La nascita del gruppo

La band si formò nel 1996 a Los Angeles. Sempre in quell’anno Mike Shinoda, Brad Delson e Rob Bourdon, decisero di formare una band chiamata gli Xero. Il gruppo cominciò a suonare registrando canzoni nella camera da letto di Shinoda. Delson successivamente divenne amico del bassista Phoenix il quale faceva già parte dei Tasty Snax. A Pasadena Shinoda incontrò Joe Hahn che insieme a Phoenix entrò negli Xero.

A questo punto alla formazione serviva una cantante e venne reclutato Mark Wakefield che insieme agli altri membri della band registrò, nel 1997, un demo omonimo con all’interno brani come Rhinestone, Reading My Eyes, Fuse e Stick n Move. Purtroppo i lavori degli Xeno non ebbero il successo sperato e nel 1998 Wakefield e Phoenix lasciarono il gruppo.

Shinoda decise allora di tenere delle audizioni per un nuovo cantante che sostituisse Wakefield. Nel frattempo Delson contattò un rappresentante della Warner Bros. Records, Jeff Blue. Un addetto di Blue, Scott Harrington, consigliò ai due di reclutare Chester Bennington, proveniente da Phoenix (Arizona) già cantante del gruppo grunge Grey Daze.

Blue contattò istantaneamente Bennington inviandogli il demo degli Xero e la corrispettiva versione strumentale affinché registrasse le proprie parti vocali. Dopo aver completato le registrazioni, Bennington contattò Shinoda, il quale apprezzò l’esecuzione. Bennington entrò così nel gruppo, che nel frattempo aveva cambiato nome in Hybrid Theory.

Ultimi aggiustamenti di formazione e il successo immediato

Alla band tuttavia mancava ancora un bassista e Delson decise di chiamare temporaneamente Kyle Christener, un suo vecchio amico. Adesso che la formazione era al completo gli Hybrid Theory realizzarono nel 1999 un EP omonimo, distribuito dalla Mix Media Entertainment per un totale di mille copie. Successivamente Christener fu sostituito da Scott Koziol. Sempre nel 1999 il gruppo iniziò a suonare nei locali, il loro primo concerto si svolse al Whisky a Go Go di Los Angeles.

Grazie a Jeff Blue e al loro primo EP, il gruppo firmò per la Warner Bros. Records ma la band dovette cambiare nome un’altra volta. Dopo alcuni nomi come Plear e Platinum Lotus Foundation, Bennington suggerì il nome Lincoln Park, da una zona dove passava in auto per le registrazioni del primo album. Per pochi mesi il nome ufficiale del gruppo fu Lincoln Park, ma quando decisero di registrare un proprio dominio Internet, scoprirono che lincolnpark.com era già esistente. Decisero quindi di cambiare qualche lettera della prima parole e dal Lincoln Park divennero i Linkin Park.

Il resto è storia.

Share

Matteo Natalìa, 19 anni, mi divido principalmente tra la passione per la musica, in particolare suonare la batteria e scrivere. Esperto articolista di musica grunge e hippie. (matteo.natalia@libero.it)