gtag('config', 'UA-102787715-1');

Michael Jackson e il video musicale più costoso della storia della musica

Michael Jackson è stato un artista senza precedenti e che difficilmente avrà eredi degni. Il re del pop ha saputo sorprendere il pubblico con la sua meravigliosa danza unica nel suo genere. Ha stupito anche con la sua musica che combinava al pop altri generi ed influenze sempre innovative. Jackson è stato l’artista dei record musicalmente e non solo, infatti è stato uno dei filantropi più importanti nell’ambito dello spettacolo, ma ha anche stabilito altri record eccezionali. Uno di questi riguarda un primato che di recente battuto, quello della lunghezza di un video musicale. Il video in questione è Michael Jackson’s Ghosts, che rimane ad oggi il video più costoso della storia della musica.

Da Thriller a Ghosts

Sappiamo tutti che Michael Jackson non ha mai avuto i classici videoclip per le sue canzoni, ma ha sempre cercato qualcosa di più. Estremamente perfezionista, non ha mai accettato la classica versione dei video musicali in cui spesso c’erano immagini random o comunque tra loro non connesse. Nei video musicali del re del pop si raccontava quasi sempre una storia con un budget holkywoodiano, come un vero e proprio film. Iconico naturalmente a tal proposito è il video di Thriller. Ma moltissimi altri videoclip raccontano vere e proprie storie, addirittura Jackson costruì un vero e proprio film con i video delle sue canzoni: ad esempio quello di Smooth Criminal è presente nel film Moonwalker e racconta una sua storia. La componente horror di Thriller ritorna poi con altre due canzoni “spaventose” nell’album Blood on the Dance Floor: HIStory in the Mix: Ghosts e Is it scary, entrambe presenti in un innovativo mediometraggio.

Michael Jackson’s Ghosts

Infatti, a partire da quelle due canzoni Jackson pensò un video musicale di ben 40 minuti, in cui inserire canzoni presenti sia da Blood on the Dance Floor sia dal precedente album, HIStory: Past, Present and Future – Book I. Per molto tempo Michael Jackson’s Ghosts entrò nel Guinness dei Primati come video musicale più lungo della storia, ma venne battuto dopo 16 anni da Pharrell Williams nel 2013 con il video della canzone Happy che dura ben 24 ore. Ma Michael Jackson’s Ghosts detiene un altro record tuttora: è il più costoso della storia della musica. Infatti, vennero spesi fino a 15 milioni di dollari per realizzarlo, che oltretutto Michael Jackson pagò di tasca sua. Per quanto concerne la realizzazione, il mediometraggio è di genere horror ed è stato scritto tra gli altri anche da Stephen King, maestro del genere. In generale il video è un grande omaggio ai classici dell’horror e differisce dalla celebre Thriller naturalmente per gli effetti speciali più curati. Non ebbe sicuramente lo stesso successo, specie in patria, ma è comunque uno degli ennesimi record del re del pop.

 

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.