gtag('config', 'UA-102787715-1');

Kurt Cobain, Travis Barker: “Perché con Post Malone abbiamo fatto delle cover dei Nirvana”

A distanza di anni dalla loro fine e dalla tragica scomparsa di Kurt Cobain, i Nirvana continuano a riscuotere un enorme successo commerciale e ad attirare milioni di proseliti in tutto il mondo. Nello scorso mese ad esempio – non senza varie contestazioni – Post Malone e Travis Barker si sono uniti per un tributo alla band statunitense. I fondi raccolti sono stati devoluti per il fondo di solidarietà istituito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, durante questa grave emergenza da Covid-19. Barker poi si è lasciato andare ad interessanti dichiarazioni sui Nirvana di Kurt Cobain. Scopriamo ulteriori dettagli in questo articolo.

NIRVANA, L’ESIBIZIONE DI BENEFICENZA DI POST MALONE E TRAVIS BARKER

Poche settimane fa il cantante e rapper Post Malone si è unito a Travis Barker – conosciuto principalmente come storico batterista dei Blink-182 – in una lunga esibizione omaggio ai Nirvana di Kurt Cobain. I due artisti hanno deciso di raccogliere dei fondi da devolvere in beneficenza per aiutare ad affrontare questa grave crisi sanitaria  e sociale provocata dal Coronavirus.

Post Malone e Travis Barker si sono dunque esibiti in una set list di 15 pezzi, estratti dalla discografia di Kurt Cobain, Dave Grohl e Krist Novoselic. Tanti i classici e i brani intramontabili della band statunitense, come Come as You Are, Heart-Shaped Box e About a Girl.

TRAVIS BARKER, LE DICHIARAZIONI SULLA COLLABORAZIONE CON POST MALONE

In una recente intervista concessa a Spin – e riportata da Tone Deaf – lo storico batterista della band Blink-182, ha svelato come è nata la collaborazione con Post Malone. E come hanno avuto l’idea di organizzare un concerto tributo in onore di Kurt Cobain e dei suoi leggendari Nirvana.

“Me ne stavo seduto a casa e stavo lavorando con questo artista chiamato Poorstacy. – ha esordito Travis Barker Ho ricevuto una telefonata da Brian Lee. Sta scrivendo per Post ed è anche un suo grande amico e mi ha detto: “Ho l’idea per questa canzone che voglio proporre a Post, mi piacerebbe che tu registrassi la batteria”. Lo storico membro dei Blink-182, ha proseguito poi spiegando che la successiva proposta di Lee era stato un set di circa 20 cover dei Nirvana.

NIRVANA, IL TRIBUTO DI POST MALONE E TRAVIS BARKER

“Vorresti fare questa cosa dei Nirvana con noi? Stavamo pensando magari a 20 cover e sarebbe un evento di beneficenza per il Coronavirus”. Questa dunque è stata la proposta che Brian Lee ha fatto a Travis Barker. Il batterista ha poi svelato che inizialmente credeva fosse uno scherzo. “Abbiamo continuato a parlarne e mi hanno detto che erano seri e che sarei dovuto andare lì per i seguenti tre giorni”.

“Così ho passato i successivi tre giorni ad imparare circa 20 canzoni dei Nirvana – ha continuato Barker a proposito della collaborazione con Post Malone ed è stato divertente perché i Nirvana sono una delle più grandi band di tutti i tempi. Le persone sono bloccate e hanno veramente bisogno della musica live. E quale band migliore a cui rendere omaggio se non i Nirvana?”.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.